Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» ... e le stelle si fanno guardare
Da miki Ven 3 Mar - 15:23

» Sanremo 2017 - notizie e commenti
Da Saix91 Gio 9 Feb - 15:49

» ...mettiamoci comodi
Da Bellaprincipessa Mer 4 Gen - 11:21

» Addio a.....
Da anna Sab 30 Lug - 12:49

» The Voice of Italy 2016 - Live
Da Saix91 Mar 24 Mag - 15:09

» Eurovision Song Contest 2016 - Semifinali - Finale
Da anna Lun 16 Mag - 18:01

» X Factor 10 Notizie e commenti
Da anna Mer 11 Mag - 18:57

» Il Cinema sulla stampa
Da anna Mer 11 Mag - 18:55

» Il Giradischi
Da ubik Mar 10 Mag - 23:14

» Marco Mengoni
Da anna Sab 7 Mag - 19:59

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Il Cinema sulla stampa

Pagina 11 di 19 Precedente  1 ... 7 ... 10, 11, 12 ... 15 ... 19  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da Lucy Gordon il Sab 21 Gen - 10:43

Sundance Film Festival 2012


3 .....2......1............ viaaaaaaaaaaaaaaaa





Robert Redford ha inaugurato ieri sera il Sundance Film Festival, la più famosa piazza del cinema indipendente al mondo. Con oltre 100 tra film e documentari in concorso, selezionati tra più di 4.000, la kermesse vuole replicare il successo del 2011, dove 40 film erano stati comprati e distribuiti sul mercato statunitense.

Robert Redford, che ha fondato il Sundance Film Festival nel 1980, ha fatto un discorso inaugurale piuttosto cupo per la situazione globale, ma ottimista per quanto riguarda il cinema indipendente. Ha detto infatti:

Possiamo cominciare con i tempi difficili in cui stiamo vivendo, non è un segreto, sono tempi cupi e opprimenti. Ma la cosa bella è che qui, in questa settimana, vedremo il lavoro degli artisti, e anche se i loro lavori rifletteranno questi tempi difficili, qui non c’è paralisi.»

Si fanno già scommesse su quali saranno i film presentati al Sundance che sicuramente troveranno la loro strada verso la distribuzione globale. “Arbitrage” è uno di questi. Con un cast di attori ben affermati, Richard Gere e Susan Sarandon, si tratta di un thriller sullo sfondo della crisi economica, con un magnate che vuole vendere la sua azienda prima che si scopra la frode.

Tutt’altro tono per “Bachelorette”, con Kirsten Dunst, commedia dove un gruppo di ragazze trascorre una notte di bagordi, sulla falsariga de “Le amiche della sposa”. “Lay the favorite” è un’altra commedia con attori di spicco come Bruce Willia, Catherine Zeta-Jones e Rebecca Hall, con la regia di Stephen Frears (“The Queen” e “Tamara Drewe”). Nel tragicomico “The surrogate”, un uomo costretto a vivere in un polmone d’acciaio è deciso a perdere la verginità, con Helen Hunt e John Hawkes.

Spike Lee presenta in quest’occasione “Red hook summer” e Paolo Sorrentino sbarca negli States con “This must be the place” con Sean Penn, che potrebbe trovare la sua strada verso il successo d’oltreoceano.

Ma sono di nuovo thriller i film più attesi dalla kermesse come “Black Rock”, dramma al femminile con Kate Bosworth come protagonista, “The words”, con Zoe Saldana, Bradley Cooper, Jeremy Irons, Dennis Quaid, Olivia Wilde, storia di uno scrittore che si appropria dei diari di un altro e arriva alla fama letteraria; “Red lights”, altro cast di star, Sigourney Weaver, Robert De Niro e Elizabeth Olsen, in una storia che coinvolge uno psichiatra e dei fenomeni paranormali.

Fonte: HollywoodReporter

una edizione che verrà ricordata per i grandi nomi che hanno capito dove sta il buon Cinema.

avatar
Lucy Gordon
agente critico
agente critico

Messaggi : 2903
Data d'iscrizione : 07.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da anny_skod il Lun 23 Gen - 19:46

L'annuncio delle candidature agli Oscar in diretta su Coming Soon

Coming Soon Television e Comingsoon.it offrono a tutti gli appassionati di cinema un appuntamento imperdibile: l'annuncio in diretta delle nomination per gli Oscar 2012.
Martedì 24 gennaio, a partire dalle 14.30 , Mauro Donzelli e Antonio Bracco introdurranno la diretta da Los Angeles dell'annuncio delle nominations.
A seguire, alle 18.15 (e alle 23.30), ci sarà invece lo speciale di approfondimento sui film appena nominati dall'Academy con Mauro Donzelli, Federico Gironi e altri ospiti.
L'evento verrà trasmesso, oltre che su Coming Soon Television (DTT ch. 49), anche sul nostro sito comingsoon.it

http://www.comingsoon.it/News_Articoli/News/Page/?Key=11220

avatar
anny_skod
satellite artificiale
satellite artificiale

Messaggi : 1336
Data d'iscrizione : 06.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da anna il Mar 24 Gen - 16:01

Tutti i candidati all'Oscar 2012

Per l'Italia candidati gli scenografi Ferretti e Lo Schiavo e Enrico Casarosa, talento dell'animazione



Ecco la lista completa dei candidati.
MIGLIOR FILM

The Descendants - Paradiso amaro
The Help
Hugo Cabret
Tree of life
Moneyball - L'arte di vincere
War Horse
The Artist
Molto forte, incredibilmente vicino
Midnight In Paris

MIGLIOR REGIA
Woody Allen – Midnight In Paris
Terence Malick – The tree of life
Michel Hazanavicius – The Artist
Alexander Payne – The Descendants
Martin Scorsese – Hugo

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA
George Clooney – The Descendants
Gary Oldman - La talpa
Demián Bichir - A better life
Ryan Gosling – Le idi di marzo
Brad Pitt – Moneyball
Jean Dujardin – The Artist

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA
Glenn Close – Albert Nobbs
Viola Davis – The Help
Rooney Mara – Uomini che odiano le donne
Meryl Streep – Iron Lady
Michelle Williams – My Week With Marilyn

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA
Kenneth Branagh – My Week With Marilyn
Nick Nolte - Warrior
Jonah Hill – Moneyball
Max von Sydow - Molto forte, incredibilmente vicino
Christopher Plummer – Beginners

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA
Bérénice Bejo – The Artist
Jessica Chastain – The Help
Janet McTeer – Albert Nobbs
Octavia Spencer – The Help
Melissa McCarthy – Le amiche della sposa

MIGLIOR FILM STRANIERO
Rundskop (Belgio)
Hearat Shulayim (Israele)
In Darkness (Polonia)
Monsieur Lazhar (Canada)
Una Separazione (Iran)

MIGLIOR FILM D'ANIMAZIONE
Chico & Rita
Une vie de chat
Kung fu Panda 2
Puss In Boots - Il gatto con gli stivali
Rango

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE
Kristen Wiig, Annie Mumolo - Le amiche della sposa
J.C. Chandor - Margin Call
Asghar Farhadi - Una Separazione
Michel Hazanavicius - The Artist
Woody Allen - Midnight In Paris

SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
Alexander Payne, Nat Faxon, Jim Rash - Paradiso amaro
John Logan - Hugo Cabret
George Clooney, Grant Heslov, Beau Willimon - Le idi di Marzo
Steven Zaillian, Aaron Sorkin, Stan Chervin - L'arte di vincere
Bridget O'Connor, Peter Straughan - La talpa

MIGLIOR COLONNA SONORA
Ludovic Bource - The Artist
John Williams - Le avventure di Tintin: Il segreto dell'Unicorno
Alberto Iglesias - La talpa
Howard Shore - Hugo John Williams - War Horse MIGLIOR CANZONE
Bret McKenzie("Man or Muppet") - I Muppet
Sergio Mendes, Carlinhos Brown, Siedah Garrett ("Real in Rio") - Rio

MIGLIOR FOTOGRAFIA
Guillaume Schiffman - The Artist
Jeff Cronenweth - Millennium - Uomini che odiano le donne
Robert Richardson - Hugo Cabret
Emmanuel Lubezki - The Tree of Life
Janusz Kaminski - War Horse

MIGLIOR MONTAGGIO
Anne-Sophie Bion, Michel Hazanavicius - The Artist
Kevin Tent - Paradiso amaro
Angus Wall, Kirk Baxter - Millennium - Uomini che odiano le donne
Thelma Schoonmaker - Hugo Cabret
Christopher Tellefsen - L'arte di vincere - Moneyball

MIGLIOR SCENOGRAFIA
Laurence Bennett, Gregory S. Hooper - The Artist
Stuart Craig, Stephenie McMillan - Harry Potter e i doni della morte: Parte 2
Dante Ferretti, Francesca Lo Schiavo - Hugo Cabret
Anne Seibel, Hélène Dubreuil - Midnight in Paris
Rick Carter, Lee Sandales - War Horse

MIGLIORI COSTUMI
Lisy Christl - Anonymous
Mark Bridges - The Artist
Sandy Powell - Hugo Cabret
Michael O'Connor - Jane Eyre
Arianne Phillips - Edward e Wallis: Il mio regno per una donna

MIGLIOR TRUCCO
Albert Nobbs Harry Potter e i doni della morte: Parte 2
The Iron Lady (2011)

MIGLIOR SONORO
Millennium - Uomini che odiano le donne
Hugo Cabret
L'arte di vincere - Moneyball
Transformers 3
War Horse

MIGLIOR MONTAGGIO DEL SUONO
Drive
Millennium - Uomini che odiano le donne
Hugo Cabret
Transformers 3
War Horse

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI
Harry Potter e i doni della morte: Parte 2
Hugo Cabret
Real Steel
L'alba del pianeta delle scimmie
Transformers 3

MIGLIOR DOCUMENTARIO
Hell and Back Again
If a Tree Falls: A Story of the Earth Liberation Front
Paradise Lost 3: Purgatory
Pina
Undefeated

MIGLIOR DOCUMENTARIO CORTOMETRAGGIO
The Barber of Birmingham: Foot Soldier of the Civil Rights Movement
God Is the Bigger Elvis
Incident in New Baghdad
Saving Face
The Tsunami and the Cherry Blossom

MIGLIOR CORTO ANIMATO
Dimanche (2011): Patrick Doyon
The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore (2011): William Joyce, Brandon Oldenburg
La Luna (2011): Enrico Casarosa
A Morning Stroll (2011): Grant Orchard, Sue Goffe
Wild Life (2011): Amanda Forbis, Wendy Tilby

MIGLIOR CORTO
Pentecost (2011): Peter McDonald
Raju (2011): Max Zähle, Stefan Gieren
The Shore: Terry George
Time Freak (2011): Andrew Bowler, Gigi Causey
Tuba Atlantic (2010): Hallvar Witzø

trovacinema

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 105

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da ubik il Mar 24 Gen - 23:35



La Luna (2011): Enrico Casarosa

credo sia questo Suspect

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da ubik il Mar 24 Gen - 23:45



Martin Scorsese – Hugo

sembra un film curioso, sicuramente una novità da parte di un regista come Scorsese

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da ubik il Mar 24 Gen - 23:52



The Help

interessante

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da ubik il Mer 25 Gen - 0:01



War Horse

l'ennesimo filmone di Spielberg

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da ubik il Mer 25 Gen - 0:07



Molto forte, incredibilmente vicino

il regista ha girato alcuni film che mi piacciono molto (Billy Elliot, The Hours) e anche questa sembra essere una buona pellicola

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da ubik il Mer 25 Gen - 0:12



Albert Nobbs - Glenn Close

Glenn Close - Albert Nobbs Suspect

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da picpiera il Mer 25 Gen - 21:17

A proposito di Oscar
ho visto "la talpa" Gary Oldman bravissimo come tutti gli altri attori
belle inquadrature, bella scenografia, fotografia, cura del particolare
ero con altre persone e si cercava di trarre conclusioni su ciò che si vedeva....posso dire che non abbiamo capito quasi nulla Suspect
avatar
picpiera
inviata specialissima
inviata specialissima

Messaggi : 6649
Data d'iscrizione : 07.03.11
Località : liguria

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da ubik il Ven 27 Gen - 21:02

Hugo Cabret di Martin Scorsese.

In qualche modo i film del nuovo secolo, per non dire del nuovo millennio, iniziano adesso. "The Artist" di Michel Hazanavicius, col suo omaggio al muto e al bianco e nero, e "Hugo Cabret" di Martin Scorsese, con la sua messa in scena perfetta e commossa del cinema delle origini di Georges Méliès, all'interno di un film in 3D e di una storia scritta da Brian Selznick, pro-nipote di David O. Selznick, il produttore di "Via col vento" e "Duello al sole", non si dividono solo una decina di Nominations agli Oscar, ma soprattutto la rilettura del secolo passato come secolo del cinema, e del cinema come macchina dei sogni, diviso tra vecchio e nuovo mondo (Parigi ricostruita da Hollywood, a Londra, e Hollywood ricostruita dai francesi...).

Una rilettura che ci riporta ancora una volta all'ossessione che il cinema ha per il tempo, come dimostra la ripetizione, anche questa ossessiva, per la celebre scena di Harold Lloyd appeso alla lancetta dell'orologio in cima a un grattacielo nel suo celebre "Safety Last" (1923), che viene citato e poi rimesso in scena con gran gusto cinefilo sia in "Hugo Cabret" che nell'ultimo "Mission Impossibile" diretto da Brad Bird, con Tom Cruise appeso in cima a un grattacielo a Dubai.

Ma il tempo e il cinema, e le 24 ore di visione di un film-opera che ricostruiscono minuto per minuto come il cinema ha messo in scena il tempo, sono anche i temi di "The Clock", mega-video di Christian Marclay che ha vinto e dominato l'ultima Biennale di Venezia, dove si assisteva alla scomposizione e al rimontaggio come "arte" dei frammenti del "cinema" del secolo passato.

Se il protagonista del film di Scorsese, il piccolo Hugo Cabret, nella fredda Parigi del 1931, è ossessionato dal dover rimettere a posto i meccanismi, far girare tutte le rotelle degli orologi della Gare de Lyons dove, novello Quasimodo, è stato relegato dalla morte del padre orologiaio, e dal far funzionare l'automa meccanico che gli ha lasciato proprio il padre e che lo ricondurrà alla scoperta del cinema fantastico e alla figura di Georges Méliès, Scorsese e la sua grande montatrice Thelma Schoonmacher, che non solo ha montato tutti i suoi film, ma che aveva sposato un pezzo di storia del cinema fantastico come Michael Powell, il regista di "Scarpette rosse" e "Peeping Tom", sono da sempre ossessionati dal funzionamento delle loro macchine-cinema e dalle infinite possibilità che il cinema ha di espandersi come percezione temporale (cito solo la scena di "Good Fellas" con De Niro e Ray Liotta al bar, quando sentiamo che forse è scattata una trappola e non capiamo come Liotta posse uscirne).

Da "Toro scatenato" a "Casino", da "Good Fellas" a "The Departed", ma anche nei titoli meno riusciti, non c'è un film dove non si senta il loro bisogno maniacale di costruire film che non solo funzionino come racconto di per sé, ma dove non si assista al loro corpo a corpo col cinema e coi suoi meccanismi e le sue teorie, spingendosi sempre oltre come per una sfida personale (pensiamo alla complessità di "Casino"), che coinvolge spesso attori, da De Niro a Ben Kinsgley, che in "Hugo Cabret" è un Méliès fenomenale, ma anche scenografi come Dante Ferretti o direttori della fotografia come Robert Richardson.

Dove un altro regista si fermerebbe, Scorsese non la finisce di provare e sperimentare. Al punto che in "Shutter Island" diventano parte fondamentale della complessità dello sviluppo narrativo del film i suoi "errori" di montaggio, rivelando che la storia non è quella che stiamo vedendo e ribaltandone completamente il senso.

Ovvio che se metti in mano a Scorsese un film come "Hugo Cabret", con il suo carico di storia del cinema delle origini, addirittura la storia di Méliès, e di costruzione in 3D, che per il regista è anche un "viaggio" nel 3D degli anni '50, quello dei film di fantascienza e dell'incredibile "Hondo" di John Farrow con John Wayne, la sfida si complica e non è detto che il film che ne esca sia necessariamente un capolavoro.

Anche perché Scorsese non ha mai girato un film fantastico alla Tim Burton, e "Hugo Cabret" sembra molto vicino, forse per le scenografie di Ferretti, al mondo di "Sweeney Todd", o al dolciume alla Steven Spielberg, che oggi vuol dire la noia di "Tin Tin", o alla sperimentazione visiva di Robert Zemeckis, ma per fortuna qui ci sono gli attori in carne e ossa.

Senza gangster e senza cattivi, ma soprattutto occupato a costruire un labirinto di piani sequenza per il 3D che sviluppa tutto in profondità, come l'"Alice" di Tim Burton, ma perde la grandezza della complessità di montaggio di Thelma Schoonmacher, Scorsese fa un gran lavoro di ricostruzione visiva, ma soffre un po' la storia e queste immagini un po' ferme.

E' ovviamente bravissimo a far recitare le sue piccole star, Asa Butterfield e Chloe Grace Moretz (da poco vista in "Texas Killing Fields" e "Blood Story"), ma alla fine preferisce buttarsi nella grande celebrazione del mago Méliès, per il quale ricostruisce con precisione maniacale i set, le macchine, le immagini.

Alla fine, sappiamo tutti che ha fatto un grande, complesso lavoro e sappiamo quanto possa avere ognuno dei manifesti del muto che appende alle pareti, sappiamo quanto si sia sforzato per portarci davanti agli occhi in 3D il cattivo Sacha Baron Cohen o il volto buono di papà Méliès, ma il suo mondo è quello di Brooklyn, dei gangster, della sperimentazione pura, del montaggio scatenato di Thelma, delle mille canzone che si fondono insieme.

Che ci fa a Parigi? Non sa neanche il francese. E' lui quello appeso alle lancette dell'orologio come Harold Lloyd, all'inizio di un nuovo secolo che seguita a guardare con nostalgia quello passato perché non sa realmente cosa ne sarà della nostra cultura e di tutto quello che abbiamo visto e vissuto. E, intanto, i pur bravi ragazzi di oggi, quelli che sanno giocare e aggiustare qualsiasi meccanismo, si domandano in sala se questo Georges Méliès sia mai esistito... In sala dal 3 febbraio. Comunque un grande film.

Marco Giusti per Dagospia

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da ubik il Ven 27 Gen - 21:04

sono anche i temi di "The Clock", mega-video di Christian Marclay che ha vinto e dominato l'ultima Biennale di Venezia



l'ho visto a Venezia alla Biennale, o almeno, ne ho visto un pezzetto, dura 24 ore Suspect Suspect Suspect

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da Lucy Gordon il Ven 27 Gen - 21:04

Tante chiacchere per nascondere che fin'ora è una stagione pessima, come non accadeva da decenni.

avatar
Lucy Gordon
agente critico
agente critico

Messaggi : 2903
Data d'iscrizione : 07.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da miki il Sab 28 Gen - 0:01


una storia vera che è accaduta nella mia città natale
un buon film, forte, emozionante, per me forse troppo lungo, la narrazione caotica
e non'è da l'oscar attori molto bravi
Spoiler:
sono curiosa però se questo film avrebbe parlato di polacchi (non ebrei) sarebbe nominato all'oscar
avatar
miki
inviata dall'estero
inviata dall'estero

Messaggi : 2308
Data d'iscrizione : 11.03.11
Età : 51
Località : varsavia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da anny_skod il Sab 28 Gen - 17:03

Lucy Gordon ha scritto:Tante chiacchere per nascondere che fin'ora è una stagione pessima, come non accadeva da decenni.


quoto,credo stia andando molto meglio la televisione in america in questo periodo che il cinema
avatar
anny_skod
satellite artificiale
satellite artificiale

Messaggi : 1336
Data d'iscrizione : 06.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Cinema sulla stampa

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 11 di 19 Precedente  1 ... 7 ... 10, 11, 12 ... 15 ... 19  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum