Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» The Voice of Italy 2018
Da Saix91 Ven 16 Mar - 14:24

» ... e le stelle si fanno guardare
Da miki Ven 3 Mar - 15:23

» Sanremo 2017 - notizie e commenti
Da Saix91 Gio 9 Feb - 15:49

» ...mettiamoci comodi
Da Bellaprincipessa Mer 4 Gen - 11:21

» Addio a.....
Da anna Sab 30 Lug - 12:49

» The Voice of Italy 2016 - Live
Da Saix91 Mar 24 Mag - 15:09

» Eurovision Song Contest 2016 - Semifinali - Finale
Da anna Lun 16 Mag - 18:01

» X Factor 10 Notizie e commenti
Da anna Mer 11 Mag - 18:57

» Il Cinema sulla stampa
Da anna Mer 11 Mag - 18:55

» Il Giradischi
Da ubik Mar 10 Mag - 23:14

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



La canzone di Halloween

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

La canzone di Halloween

Messaggio Da ubik il Lun 31 Ott - 19:04






La canzone di Halloween


chiunque può postare la sua

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da ubik il Lun 31 Ott - 19:08




_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da anna il Lun 31 Ott - 19:26

adesso ci devo pensare...

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da ubik il Lun 31 Ott - 19:40



...eeeeeeeehhhhhhhhhhhhh, io ne ho una serie

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da anna il Lun 31 Ott - 19:42

AC/DC - Hell's Bells


_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da anna il Lun 31 Ott - 19:47

This Is Halloween


_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da ubik il Lun 31 Ott - 19:57



non saprei se definirla canzone Suspect What a Face

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da ubik il Lun 31 Ott - 21:49




_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da anna il Lun 31 Ott - 22:14


_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da anna il Lun 31 Ott - 22:17




_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da ubik il Lun 31 Ott - 22:21




_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da Lucy Gordon il Lun 31 Ott - 22:41





avatar
Lucy Gordon
agente critico
agente critico

Messaggi : 2903
Data d'iscrizione : 07.03.11

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da ubik il Lun 31 Ott - 23:32



un classico

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da Strawberry Fields il Mar 1 Nov - 10:17

Non è proprio una canzone.

Ulalume è una poesia scritta da Edgar Allan Poe nel 1847.

Ulalume

The skies they were ashen and sober;
The leaves they were crisped and sere -
The leaves they were withering and sere;
It was night in the lonesome October
Of my most immemorial year:
It was hard by the dim lake of Auber,
In the misty mid region of Weir -
It was down by the dank tarn of Auber,
In the ghoul-haunted woodland of Weir.

Here once, through and alley Titanic,
Of cypress, I roamed with my Soul -
Of cypress, with Psyche, my Soul.
These were days when my heart was volcanic
As the scoriac rivers that roll -
As the lavas that restlessly roll
Their sulphurous currents down Yaanek
In the ultimate climes of the pole -
That groan as they roll down Mount Yaanek
In the realms of the boreal pole.

Our talk had been serious and sober,
But our thoughts they were palsied and sere -
Our memories were treacherous and sere, -
For we knew not the month was October,
And we marked not the night of the year
(Ah, night of all nights in the year!) -
We noted not the dim lake of Auber
(Though once we had journeyed down here) -
Remembered not the dank tarn of Auber,
Nor the ghoul-haunted woodland of Weir.

And now, as the night was senescent
And star-dials pointed to morn -
As the star-dials hinted of morn -
At the end of our path a liquescent
And nebulous lustre was born,
Out of which a miraculous crescent
Arose with a duplicate horn -
Astarte's bediamonded crescent
Distinct with its duplicate horn.

And I said: "She is warmer than Dian;
She rolls through an ether of sighs -
She revels in a region of sighs:
She has seen that the tears are not dry on
These cheeks, where the worm never dies,
And has come past the stars of the Lion
To point us the path to the skies -
To the Lethean peace of the skies -
Come up, in despite of the Lion,
To shine on us with her bright eyes -
Come up through the lair of the Lion,
With love in her luminous eyes."

But Psyche, uplifting her finger,
Said: "Sadly this star I mistrust -
Her pallor I strangely mistrust:
Ah, hasten! -ah, let us not linger!
Ah, fly! -let us fly! -for we must."
In terror she spoke, letting sink her
Wings until they trailed in the dust -
In agony sobbed, letting sink her
Plumes till they trailed in the dust -
Till they sorrowfully trailed in the dust.

I replied: "This is nothing but dreaming:
Let us on by this tremulous light!
Let us bathe in this crystalline light!
Its Sybilic splendour is beaming
With Hope and in Beauty tonight! -
See! -it flickers up the sky through the night!
Ah, we safely may trust to its gleaming,
And be sure it will lead us aright -
We safely may trust to a gleaming,
That cannot but guide us aright,
Since it flickers up to Heaven through the night."

Thus I pacified Psyche and kissed her,
And tempted her out of her gloom -
And conquered her scruples and gloom;
And we passed to the end of the vista,
But were stopped by the door of a tomb -
By the door of a legended tomb;
And I said: "What is written, sweet sister,
On the door of this legended tomb?"
She replied: "Ulalume -Ulalume -
'Tis the vault of thy lost Ulalume!"

Then my heart it grew ashen and sober
As the leaves that were crisped and sere -
As the leaves that were withering and sere;
And I cried: "It was surely October
On this very night of last year
That I journeyed -I journeyed down here! -
That I brought a dread burden down here -
On this night of all nights in the year,
Ah, what demon hath tempted me here?
Well I know, now, this dim lake of Auber -
This misty mid region of Weir -
Well I know, now, this dank tarn of Auber,
This ghoul-haunted woodland of Weir."

------------------

I cieli erano cinerei e mesti;
le foglie, increspate e vizze -
le foglie, disseccate e vizze;
era notte in quel solitario Ottobre
del mio anno piu' immemoriale;
e questo fu presso al fosco lago di Auber,
nella nebbiosa media regione di Weir -
e questo fu presso all'umido stagno di Auber,
nelle selve di Weir popolate di vampiri.

Qui una volta per un titanico viale
di cipressi io vagavo con la mia Anima -
di cipressi, con Psyche, la mia Anima.
In quei giorni il mio cuore era vulcanico
come i fiumi rotolanti di scorie -
come le lave rotolanti senza posa
in sulfuree correnti giu' per lo Yaanek,
nelle regioni ultime del Polo -
gementi e rotolanti giu' per il monte Yaneek
nei reami del regno boreale.

Tra noi scambiammo parole austere, sommesse,
ma i pensieri, erano torpidi e vizzi -
i ricordi, erano infidi e vizzi -
giacche' neanche sapevamo che era d'ottobre,
ne' considerammo quale notte fosse dell'anno -
(Ah, notte fra tutte le notti dell'anno!)
ne' ponemmo mente al fosco lago di Auber -
(benche' gia' un tempo qui fossimo venuti) -
ne' piu' ricordavamo l'umido stagno di Auber,
ne' le selve di Weir popolate di vampiri.

E come la notte, gia' senescente, si sfaceva,
e i quadranti delle stelle indicavano il giorno -
e i quadranti delle stelle segnavano il giorno -
in fondo al nostro viale apparve d'un tratto
un liquescente e nebuloso chiarore,
e un prodigioso arco di luna
s'innalzo' da esso con duplice corno -
l'arco di Astarte, tuto di diamanti,
sfavillante nel suo duplice corno.

E io dissi: "E' piu' ardente di Diana:
e va roteando per un etere di sospiri -
esulta in una regione di sospiri;
ha veduto che non s'e' disseccato il pianto
su queste guance, dove mai non muore il verme,
ed e' venuta, sfidando le stelle del Leone,
a indicarci il sentiero dai cieli -
alla letèa pace dei cieli -
e' venuta, a dispetto del Leone,
per brillar su di noi coi suoi occhi fulgenti,
portando amore negli occhi lucenti".

Ma Psyche, levando il suo dito,
disse: "Di quella stella io molto diffido - del suo strano pallore diffido -
Oh, affrettati! Non indugiamo di piu'!
Oh, fuggi via! Fuggiamo! Cosi' dobbiamo!".
Parlava atterrita; e le ali pendenti
lasciava che strisciassero nella polvere -
Con angoscia singhiozzava; e le piume pendenti
lasciava che strisciassero nella polvere -
che strisciassero tristemente nella polvere.

Io replicai: "Questo non e' che un sogno:
procediamo lungo quel tremulo chiarore!
Immergiamoci in questa vitrea luce!
Il suo sibillino splendore s'irraggia
di speranza e belta' della notte -
E ora guarda! Nella notte al cielo s'eleva!
Ah, de suo bagliore potremo fidarci:
ché non puo' che guidarci al giusto cammino -
del suo fermo bagliore potremo fidarci:
ché non puo' che guidarci al giusto cammino,
se al cielo s'eleva attraverso la notte".

Cosi' consolai Psyche e la baciai,
e fuori l'indussi dai suoi cupi pensieri -
cosi' vinsi i suoi timori e i cupi pensieri;
e giungemmo nel fondo di quel viale -
ma ci arresto' la porta di un sepolcro -
la porta d'un sepolcro e il nome che lì era;
e io dissi: "Che e' scritto dolce sorella,
sulla porta di questo sepolcro?"
Essa rispose: "Ulalume - Ulalume! -
quest'e' la tomba della tua perduta Ulalume!"

Allora il mio cuore divento' cinereo e mesto
come le foglie ch'erano increspate e vizze -
come le foglie ch'erano disseccate e vizze -
Ed io gridai: "Certamente fu d'Ottobre,
in questa stessa notte d'un anno svanito
che io venni - che io venni gia' qui -
in questa notte, fra tutte le notti dell'anno;
ah, quale demone mi ha ricondotto fin qui?
Ben riconosco ora il fosco lago di Auber -
questa nebbiosa media regione di Weir -
ben riconosco ora quest'umido lago di Auber -
queste selve di Weir popolate di vampiri".

Allora dicemmo - dicemmo noi due: "Ah, forse
quei vampiri delle selve di Weir -
quei pietosi, benevoli vampiri,
per sbarrare a noi il cammino e deviarlo
dal segreto che si cela in queste selve -
da cio' che in queste selve e' riposto e nascosto -
hanno lassu' tratto lospettro d'un pianeta,
dal limbo evocato delle anime lunari -
questo pianeta che cupamente scintilla,
dall'Inferno evocato delle anime planetarie".
avatar
Strawberry Fields
satellite artificiale
satellite artificiale

Messaggi : 1139
Data d'iscrizione : 06.03.11

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da miki il Mar 1 Nov - 21:55

io, la mia ho messo gia prima nel un'altro topo
però rimetto anche qua

Spoiler:
Suspect quello all'inizio del video non so perche mi ricorda molto kaiser-laiser
avatar
miki
inviata dall'estero
inviata dall'estero

Messaggi : 2308
Data d'iscrizione : 11.03.11
Età : 52
Località : varsavia

Torna in alto Andare in basso

Re: La canzone di Halloween

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum