Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» The Voice of Italy 2018
Da Saix91 Ven 16 Mar - 14:24

» ... e le stelle si fanno guardare
Da miki Ven 3 Mar - 15:23

» Sanremo 2017 - notizie e commenti
Da Saix91 Gio 9 Feb - 15:49

» ...mettiamoci comodi
Da Bellaprincipessa Mer 4 Gen - 11:21

» Addio a.....
Da anna Sab 30 Lug - 12:49

» The Voice of Italy 2016 - Live
Da Saix91 Mar 24 Mag - 15:09

» Eurovision Song Contest 2016 - Semifinali - Finale
Da anna Lun 16 Mag - 18:01

» X Factor 10 Notizie e commenti
Da anna Mer 11 Mag - 18:57

» Il Cinema sulla stampa
Da anna Mer 11 Mag - 18:55

» Il Giradischi
Da ubik Mar 10 Mag - 23:14

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Addio a.....

Pagina 2 di 24 Precedente  1, 2, 3 ... 13 ... 24  Seguente

Andare in basso

Re: Addio a.....

Messaggio Da ubik il Mer 23 Mar - 22:56




_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Addio a.....

Messaggio Da mambu il Gio 24 Mar - 1:29

Vekkio ubik... lo sapevo



qui è con Mankiewicz, il regista.
non so dire se e quanto sia stata una grande attrice. Era qualcos'altro... era un sogno
E quindi sempre perfetta, al di là di tecniche e, talvolta, di vezzi recitativi allora di moda. Ma era un sogno di bellezza e di dolore; un dolore che esprimeva solo con lo sguardo e che ha reso indimenticabili tanti suoi personaggi. E in questo sembrava vera... o forse lo era; ma questo non conta, nella magnifica fabbrica delle illusioni
avatar
mambu
cometa
cometa

Messaggi : 518
Data d'iscrizione : 08.03.11

Torna in alto Andare in basso

Re: Addio a.....

Messaggio Da rossadavino il Gio 24 Mar - 6:59








_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106

Torna in alto Andare in basso

Re: Addio a.....

Messaggio Da anna il Sab 11 Giu - 20:09

Morto a Bologna etologo Giorgio Celli
Era stato sottoposto a un intervento chirurgico il 10 maggio


L'entomologo Giorgio Celli, 76 anni, è morto oggi all'ospedale Sant'Orsola di Bologna. Era stato sottoposto a un intervento chirurgico il 10 maggio scorso e da allora le sue condizioni erano rimaste gravissime.

Docente universitario all'Istituto di Entomologia, a lungo conduttore televisivo di trasmissioni sugli animali, poi europarlamentare e consigliere comunale dei Verdi, Giorgio Celli, 76 anni, era stato sottoposto a un intervento chirurgico per "alcuni by pass" e l'intervento era stato reso più delicato perché era "dializzato da tempo", aveva precisato due giorni dopo il figlio Davide, anche lui ex consigliere comunale verde, con la voce rotta dal pianto, che aveva del resto anche oggi confermando la scomparsa del padre: "Non ho più lacrime per piangere. E' sempre rimasto in terapia intensiva, ma voglio ricordarlo battagliero e forte, con la sua voglia di cambiare le cose. Vorrei che tutti, allievi, collaboratori e amici, lo ricordassero così".

La camera mortuaria sarà allestita martedì 14 nell'Area Malpighi dell'ospedale (via Pizzardi, ore 7.30-13.30); subito dopo l'Università di Bologna ha organizzato una commemorazione alla cappella di Santa Maria dei Bulgari dell'Archiginnasio, ed é annunciata la presenza del rettore Ivano Dionigi.

La salma sarà poi tumulata nel cimitero di Monzuno, sull'Appennino Bolognese, luogo particolarmente caro al figlio Davide, che gli é stato vicino, come sempre, anche negli ultimi difficili giorni. Wikipedia, nel suo rigore scientifico, ha avuto ore sufficienti, dalle 9.45, per aggiornare la sua scheda on line: "Giorgio Ruggero Celli (Verona, 16 luglio 1935 - Bologna, 11 giugno 2011) è stato un etologo, entomologo, scrittore, attore, politico e professore universitario italiano".
ansa

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106

Torna in alto Andare in basso

Re: Addio a.....

Messaggio Da ubik il Sab 11 Giu - 20:20

lo adoravo e guardavo sempre la sua trasmissione

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Addio a.....

Messaggio Da anna il Dom 19 Giu - 12:17

Clarence Clemons è morto

Clarence Clemons è morto a 69 anni: si è spento nella notte, dopo essere stato ricoverato in ospedale per una settimana in seguito all’attacco di cui abbiamo riferito gli scorsi giorni. Il primo riconoscimento a Big Man è arrivato da Bruce Springsteen, che si era detto speranzoso pur riconoscendo la gravità della situazione: “Siamo onorati e grati di avere avuto l’opportunità di stargli accanto per quasi quarant’anni”, ha scritto il Boss sul suo sito. “Era un mio grande amico e un partner e con Clarence al mio fianco la mia band e io abbiamo potuto raccontare una storia molto più profonda di quanto non dica la nostra stessa musica. La sua vita, il suo ricordo e il suo amore continueranno a vivere in quella storia e nel gruppo”. Clarence Clemons aveva trascorso gli ultimi anni a combattere vari problemi di salute e si era sottoposto a un doppio intervento chirurgico alle ginocchia, in conseguenza del quale spesso (come in occasione del Superbowl 2009) era stato costretto a esibirsi seduto su una sedia a rotelle, sopportando dolori fortissimi e, infine, anche una seria forma di depressione post operatoria. La sua ultima esibizione in studio è stata con Lady Gaga, sulla cui “The edge of glory” ha suonato il suo inconfondibile sax. Ma il suo assolo-marchio di fabbrica, con cui desideriamo ricordarlo, è quello che contribuì a rendere “Born to run” un album leggendario, quello che impiegò 16 ore a perfezionare in studio, quello di “Jungleland”.
rockol

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106

Torna in alto Andare in basso

Re: Addio a.....

Messaggio Da anna il Dom 19 Giu - 13:03

E' morta la dissidente Elena Bonner
con Sakharov combattè per i diritti in Urss
Si è spenta negli Usa a 88 anni. Divenne una delle figure simbolo della protesta contro il regime sovietico, insieme al marito, celebre fisico, premio Nobel e padre pentito della bomba all'idrogeno. Ma è rimasta scomoda per Eltsin e in "esilio volontario" da Putin


Anche morire di malattia, all'estero, a 88 anni, può servire alla causa quando si è dedicata tutta la vita alla lotte per i diritti umani e per la trasparenza di un regime oscuro e prevaricatore. Yelena Bonner, spirata ieri sera, in un ospedale di Boston ha ottenuto un altro piccolo grande risultato in quello che è stato l'impegno di anni suo e del marito Andrej Sakharov, uno dei più noti dissidenti dell'era sovietica. A Mosca, in attesa dell'arrivo della bara della signora Bonner, la sede della Fondazione Sakharov si è riempita di militanti, di giovani e di tutti gli esponenti di spicco della fragile e perseguitata opposizione russa. "I tempi attuali sono meno cupi e sanguinosi di quelli in cui hanno vissuto Yelena e Andrej - dicevano in tanti - ma la strada per la democrazia e la trasparenza è ancora lunga".

La storia di Yelena Bonner è di fatto la storia della resistenza di un popolo all'orrore staliniano e poi alla negazione continua dei più elementari diritti umani da parte dei governi che si sono succeduti alla guida della Russia. L'incubo comincià presto, nel 1937, quando appena quattordicenne assistette all'arresto dei suoi genitori nella cittadina di Merv nell'allora repubblica socialista sovietica del Turkmenistan. Capitava in quegli anni che le purghe e le vendette del regime si abbattessero proprio sui quadri più fedeli e vicini al potere. Il padre di Yelena, Georgij Alikanov, ebreo armeno comunista e autorevole membro del Comintern, fu accusato di generico complotto contro lo Stato e fucilato. Alla madre toccarono invece otto anni di campo di lavoro forzato in Kazakhstan e poi l'esilio.

Traumi che non si cancellano anche se si continua a servire il proprio paese. Yelena fu infermiera al seguito dell'Armata Rossa nella Seconda Guerra Mondiale arrivando con l'esercito vincitore fino alle porte di Berlino. Meriti che le valsero l'ingresso nelle fila del Pcus nel 1965 quando intanto la destalinizzazione di Krushov aveva portato alla riabilitazione formale dei genitori. Il nuovo vento di cambiamenti e di rivisitazione del passato sembrava preludere a una nuova era e Yelena Bonner spera di poter contribuire a una svolta per i diritti umani nell'Urss. Errore, pagato a caro prezzo. I controlli , le pressioni del Kgb, le minacce per la sua indipendenza di giudizio e per i suoi attacchi diretti ai notabili del partito, le costarono il fallimento di un primo matrimonio, e l'inserimento nella lista dei personaggi da tenere d'occhio.

Le cose peggiorarono con il secondo matrimonio nel '72 quando sposò Andrej Sakharov, il fisico nucleare dallo spirito ribelle che si era platealmente opposto all'uso bellico delle bombe atomiche che da scienziato aveva contribuito a realizzare e sviluppare. Forte del suo prestigio scientifico e dell'importanza strategica del suo lavoro Sakharov aveva costituito il primo comitato per i diritti civili e preso le difese dei dissidenti e dei perseguitati politici. La paga a caro prezzo, con l'emarginazione e poi con l'esilio nella città chiusa di Gorkij. A Yelena Bonner toccò ritirare in suo nome il premio Nobel per la pace conferito dall'Accdemia di Oslo nel 1975. Anni duri di lotta e di persecuzioni nei quali Yelena Bonner fece da portavoce del marito, organizzatrice del movimento, leader di un'opposizione sotterranea fino al 1986, quando la riabilitazione decisa da Gorbaciov consentì a Sakharov di tornare, per morire subito dopo, nella sua abitazione di Mosca.

Cominciarono altri anni di speranza. La Bonner mise su la Fondazione Sakharov, cominciò a parlare liberamente di democrazia e trasparenza ma anche questo momento sarebbe durato poco. Tollerata appena dalla presidenza Eltsin, oscurata e scoraggiata dai governi dell'era Putin, contraria agli interventi in Cecenia e alle repressioni dei dissidenti, Yelena Bonner decise di restare negli Stati Uniti ispirando e suggerendo a distanza i movimenti di opposizione democratica. Appena l'anno scorso, tanto per far capire che l'esilio volontario non fosse affatto una resa, era stata la prima firmataria del documento "Putin deve andarsene" nel quale si faceva l'elenco delle persecuzioni, prevaricazioni e lati oscuri del governo attuale. Adesso, che si preparano i funerali, tutti i dissidenti e gli oppositori preparano una grande manifestazione . Yelena Bonner sta per dare, da morta, un altro dispiacere al regime.
repubblica

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106

Torna in alto Andare in basso

Re: Addio a.....

Messaggio Da ubik il Ven 24 Giu - 20:08

E' morto Peter Falk
Addio, tenente Colombo

ROMA - Addio al tenente Colombo. E' morto l'attore Peter Falk, protagonista della celebre serie televisiva ma anche attore hollywoodiano di lungo corso e protagonista di numerosi film. Aveva 83 anni.

la repubblica

...

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Addio a.....

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 24 Precedente  1, 2, 3 ... 13 ... 24  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum