Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» ... e le stelle si fanno guardare
Da miki Ven 3 Mar - 15:23

» Sanremo 2017 - notizie e commenti
Da Saix91 Gio 9 Feb - 15:49

» ...mettiamoci comodi
Da Bellaprincipessa Mer 4 Gen - 11:21

» Addio a.....
Da anna Sab 30 Lug - 12:49

» The Voice of Italy 2016 - Live
Da Saix91 Mar 24 Mag - 15:09

» Eurovision Song Contest 2016 - Semifinali - Finale
Da anna Lun 16 Mag - 18:01

» X Factor 10 Notizie e commenti
Da anna Mer 11 Mag - 18:57

» Il Cinema sulla stampa
Da anna Mer 11 Mag - 18:55

» Il Giradischi
Da ubik Mar 10 Mag - 23:14

» Marco Mengoni
Da anna Sab 7 Mag - 19:59

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Italiani a Londra 2012

Pagina 7 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Italiani a Londra 2012

Messaggio Da ubik il Mer 15 Ago - 22:18

luna ha scritto:Suspect Suspect Suspect
cmq per quel che mi riguarda se li possono tenere per loro...

è probabilmente una bufala

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 105
Località : milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Italiani a Londra 2012

Messaggio Da anna il Sab 1 Set - 10:38



La ventenne modenese Cecilia Camellini ha conquistato il primo oro italiano alle Paralimpiadi di Londra. Cecilia (atleta non vedente) ha trionfato nei 100 stile libero S11 con un tempo di 1'07''29, segnando anche il nuovo record del mondo.
Al secondo posto la neozelandese Mary Fisher, al terzo la cinese Guizhi Li.




edit
in questi giorni ci sono poco e i giornali dedicano poco spazio alle Paralimpiadi Cecilia ha conquistato un altro oro e un bronzo, spero più tardi di trovare qualcosa

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Italiani a Londra 2012

Messaggio Da anna il Mer 5 Set - 9:23

Paralimpiadi, Annalisa Minetti conquista
il bronzo nei 1500 metri


Si avvera il sogno di Annalisa Minetti, ex concorrente di Miss Italia e vincitrice nel '98 del festival di Sanremo.Alle Paralimpiadi di Londra 2012 è riuscita ad arrivare al terzo posto nei 1500 metri piani femminili, categoria T12, con il tempo di 4:48.88.

La cantante ha fatto registrare il record del mondo nelle sua categoria T11 per non vendenti, accorpata in questa specialità olimpica alla T12. Primo posto per la russa Elena Pautova con un tempo di 4:37.65 e bronzo per la spagnola Elena Congost con 4:43.53.

Suspect presumo che la spagnola abbia vinto l'argento

fonte


_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Italiani a Londra 2012

Messaggio Da anna il Mer 5 Set - 17:24

Paralimpiadi di Londra
Zanardi è (ancora) d'oro
«E' un oro che ha un significato enorme – ha detto Zanardi dopo il traguardo – Non posso però dire di essere stupito, sapevo di essere in forma»


Grande impresa di Alex Zanardi, che vince la medaglia d'oro nella prova a cronometro della handbike, categoria H4, alle Paralimpiadi di Londra. Per l'ex pilota di Formula 1 è il coronamento di un percorso cominciato a fine 2009 e che ora si concretizza con il risultato più bello all'interno di una stagione che lo ha visto trionfare, nelle prove in linea, alla maratona di New York e a quella di Roma. «E' un oro che ha un significato enorme – ha detto dopo il traguardo – Non posso però dire di essere stupito, sapevo di essere in forma».

DOMINIO - Questa cronometro di 16 km, disputata sul circuito di Brands Hatch dove ottenne la prima pole position della carriera in una gara di Formula 3000, lo ha visto dominare dal primo all'ultimo metro imponendosi davanti al tedesco Norbert Mosandl e allo statunitense Oscar Sanchez. Alex è passato in testa al termine del primo giro, dopo 8 km, già con 14” di vantaggio su Mosandl e poi ha incrementato il passo andando in progressione fino al 24'50”22 conclusivo. Il tedesco è arrivato a 27”, mentre Sanchez è staccato addirittura di 45”.

SOGNO TRIPLETE - La Paralimpiade di Alex non si conclude comunque oggi. Domani c'è già la possibilità di un grande bis con la prova in linea, per la quale è indicato come favorito, mentre sabato ci sarà l'ultima fatica con la prova in staffetta. Tre gare come Usain Bolt, il primo oro è già in carniere, la corsa al triplete siglato dal giamaicano nelle Olimpiadi del mese scorso è appena cominciata.

fonte

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Italiani a Londra 2012

Messaggio Da anna il Mer 5 Set - 18:25

Paralimpiadi, straordinaria Assunta Legnante: la napoletana, prima atleta europea a partecipare a un’Olimpiade (Pechino 2008) e a una Paralimpiade, ha regalato il quarto oro all'Italia con il primo lancio, a 16 m e 74 cm (che ha frantumato il suo precedente record del mondo)

Assunta ha poi eseguito una serie di lanci mediamente superiori di oltre quattro metri rispetto ai getti delle sue avversarie


_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Italiani a Londra 2012

Messaggio Da anna il Gio 6 Set - 17:34

Il lancio più bello di Assunta Legnante: “Olimpiadi 2016 con i normodotati”

La lanciatrice del peso, oro alle Paralimpiadi di Londra, ha un sogno: ritornare a gareggiare ai Giochi dopo l'esperienza di Pechino e, soprattutto, dopo la malattia che l'ha resa cieca. Lo dice al Fatto.it: "Lo sento, ce l’ho nelle braccia, mi serve solo un po’ di allenamento serio"


Tre ori, speciali. Lo sono sempre del resto, ma questi forse ancor di più. Assunta, Alex e Martina: così diversi e così uguali, nel giorno del trionfo. Speciali, appunto: per l’Italia, perché arrivano insieme, in una Paralimpiade e non in una gara qualsiasi. Ma speciali soprattutto per loro, perché si tratta di una vittoria non solo sportiva. Il successo della Martina Caironi nei 100 metri T42 arriva a sera inoltrata, quando a Casa Italia già si festeggia col “factotum” De Pellegrin: portabandiera, oro paralimpico e anche coppiere. Un brindisi in più per Martina, che se lo merita tutto: oro e record del mondo per la 20enne di Bergamo, che 5 anni fa ha perso la gamba sinistra in un incidente stradale e oggi corre più veloce di tutti.

La storia di Alex Zanardi la conoscono in molti. Pilota di successo, tra Formula 1 e Formula Cart, fino a quel maledetto incidente nel 2001, in cui rischiò la vita e perse entrambe le gambe. Alex, pur avendo ricevuto l’estrema unzione, non è morto. Si è ripreso e da quel giorno ha fatto un po’ di tutto: è tornato in pista a bordo di una vettura appositamente modificata, è diventato anche presentatore televisivo. Ma non era abbastanza. E allora si è reinventato campione di handbike: in pochi anni è diventato il numero uno. Velocissimo, come sempre: perché i quasi 40 chilometri orari di media con cui ha vinto ieri la prova a cronometro non saranno i 300 e passa dell’automobilismo, ma certo non sono poca cosa. Dopo la vittoria ha ringraziato i tifosi (“Mi avete davvero toccato il cuore con il vostro supporto”) ma anche la dea bendata: “Ho avuto tantissimo nella vita”.

E poi c’è Assunta Legnante. Lei non è la prima volta che sale su un podio internazionale. Aveva partecipato alle Olimpiadi di Pechino, quattro anni fa. Ed era stata campionessa europea indoor nel 2007, ad esempio. Ma allora vedeva. Poi la malattia: un glaucoma congenito, perde prima l’occhio destro, poi anche il sinistro e nonostante diversi interventi chirurgici è diventata cieca. Oggi sorride, è campionessa paralimpica. E dice: “Ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicino ed il Comitato Paralimpico: non si tratta solo di sport, per me questo vuol dire ricominciare a vivere”.

Per lei in fondo più di tutti gli altri. Perché nella vita non era una studentessa, o un pilota, o altro: lei era una campionessa di getto del peso. E oggi lo è di nuovo. Ma non è stato facile. “Quando ho perso la vista anche dal secondo occhio ho passato momenti davvero duri” ha raccontato a ilfattoquotidiano.it. “Non riuscivo più a pensare allo sport, a considerarmi un’atleta. Devo molto alla Federazione: mi hanno fatta sentire importante, mi hanno aiutata a trovare questa nuova strada. Hanno fatto davvero un gran lavoro”. Un lavoro particolare, nel suo caso: più psicologico che tecnico. “Da questo punto di vista in effetti non ho molti problemi: ricordo bene i movimenti. Il difficile è stato trovare le motivazioni, rimettermi in forma”.

Un’operazione andata a buon fine, come testimonia l’oro e il record mondiale di categoria. Ma fino a un certo punto: “Tra la malattia, gli interventi e il trauma sono stata ferma quasi tre anni – ha spiegato – Negli ultimi mesi ho fatto davvero il minimo per poter arrivare a Londra in una condizione decente, ma posso migliorare tantissimo”. Parole che aprono prospettive sorprendenti. Assunta lancia fino a 16,74 metri, il suo primato è di 19,20. Risale al 2002, ma non è lontanissimo. E ancor più vicina è la misura di 18.55, il minimo di qualificazione olimpica. “Io lo sento, ce l’ho nelle braccia, mi serve solo un po’ di allenamento serio”.

E allora Assunta da Napoli rilancia. All’orizzonte, fra quattro anni, ci sono i Giochi di Rio de Janeiro. Quelli Paralimpici, certo, per una grande doppietta. Ma anche quelli Olimpici, per un ritorno da fiaba a lieto fine. “Sarebbe bellissimo”, sussurra. E sorride. Usa il condizionale, non vuole promettere nulla. Ma ci crede.

ilfatoquotidiano


_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Italiani a Londra 2012

Messaggio Da anna il Ven 7 Set - 22:51

Alex Zanardi, bis d'oro alle Paralimpiadi
Nella handbike vince anche la 64 km



Doppietta d'oro nella handbike per Alex Zanardi alle Paralimpiadi di Londra. L'ex pilota azzurro di Formula 1 ha vinto anche la gara su strada di 64 km categoria H4, con il tempo di 2h00'32" e ha preceduto il sudafricano Ernst van Dyk (argento) ed il belga Wim Decleir (bronzo).

Due giorni fa Zanardi aveva già trionfato nella 16 km a cronometro.

fonte


_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Italiani a Londra 2012

Messaggio Da ubik il Mar 11 Set - 0:21

anna ha scritto:Paralimpiadi, Annalisa Minetti conquista
il bronzo nei 1500 metri
...

continuerò a non perdornarle lo scippo fatto a sanremo ai danni della antonella ruggiero, mi pare nel 98 o 99, ma in questa impresa l'ho veramente ammirata molto

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 105
Località : milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: Italiani a Londra 2012

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 7 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum