Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» The Voice of Italy 2018
Da Saix91 Ven 16 Mar - 14:24

» ... e le stelle si fanno guardare
Da miki Ven 3 Mar - 15:23

» Sanremo 2017 - notizie e commenti
Da Saix91 Gio 9 Feb - 15:49

» ...mettiamoci comodi
Da Bellaprincipessa Mer 4 Gen - 11:21

» Addio a.....
Da anna Sab 30 Lug - 12:49

» The Voice of Italy 2016 - Live
Da Saix91 Mar 24 Mag - 15:09

» Eurovision Song Contest 2016 - Semifinali - Finale
Da anna Lun 16 Mag - 18:01

» X Factor 10 Notizie e commenti
Da anna Mer 11 Mag - 18:57

» Il Cinema sulla stampa
Da anna Mer 11 Mag - 18:55

» Il Giradischi
Da ubik Mar 10 Mag - 23:14

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Marco Mengoni #Prontoacorrere

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da luna il Lun 18 Mar - 20:19

Marco Mengoni è pronto a tutto, anche al mercato anglosassone

Marco Mengoni ha presentato alla stampa il suo nuovo album #PRONTOACORRERE. Tra illustri collaborazioni e diversi generi musicali, spunta anche un brano in inglese. Il vincitore di Sanremo è pronto a correre anche sul mercato anglosassone.

#PRONTOACORRERE. «Non c’era titolo più giusto», commenta un Marco Mengoni per sua stessa ammissione «un po’ agitato», davanti alla platea di giornalisti presenti al debutto di questo suo ultimo lavoro. Siamo nella suggestiva cornice dell’Accademia delle Belle Arti di Brera, a Milano, dove Marco si trova a suo agio («Vengo da un Istituto d’arte, sono molto felice che la presentazione sia proprio qui»).

Quindici brani, tra cui l’Essenziale, vincitore dell’ultima edizione di Sanremo. Collaborazioni patinate del calibro di Gianna Nannini, Gino Pacifico, Ivano Fossati, Mark Owen, («come autore il più forte dei Take That»), solo per citarne alcune, firmano insieme a Marco Mengoni questo nuovo album, in uscita mercoledì 19 marzo su etichetta Sony Music.

Frutto di oltre un anno di lavoro fra Milano e Los Angeles e interamente prodotto da Michele Canova – uno dei producer più richiesti del momento – il disco è il risultato di un percorso di crescita che vede l’artista sbocciare sempre di più. Seppur ancora privo di una forte e precisa identità musicale. Tra gli inediti, un po’ di tutto: da I Got The Fear, il brano in inglese che incarna forse l’anima più rock del disco, (scritto da Charlie Grant, storico autore di Def Leppard e Simply Red), a Una parola, pezzo smaccatamente dance che rimanda nemmeno troppo velatamente al Tiziano Ferro “prima maniera”. Fino al ritmo più estivo e poppeggiante di Un’altra botta.

Fra le collaborazione eccelse, anche quella di Cesare Cremonini che ha firmato testo e musica de La valle dei Re: «Cesare è un altro stronzo che invidio da matti, perché riesce a descrivere un istante con una frase, senza troppi giri di parole. E’ diretto, mi arriva allo stomaco. Mentre io le mie canzoni le disegno: ho bisogno di un’immagine per estrapolarne il senso e scrivere. Ci metto una quaresima, ma è così: tutti i pezzi scritti da me hanno una storia grafica».

Anche se poi, nella vita, sembra essere parecchio pratico anche lui: «In realtà sono sempre stato pronto a correre, lo faccio da quando sono nato – spiega – diciamo che sto continuando a farlo, la mia vita è come una staffetta in cui ci si passa il testimone, ovvero ogni singolo disco».

Quando si rilassa esce un Marco ancora piacevole e spontaneo. Consapevole. Umile. Esortato, accenna al freschissimo trionfo sanremese («la vera vittoria è il riscontro positivo da parte di un pubblico più ampio rispetto al solito zoccolo duro»), ma si percepisce che in testa ha solo #PRONTOACORRERE. «Sono partito da una produzione faraonica, avevo almeno 40 pezzi. Questo è il risultato della scrematura fatta da me e dal mio nuovo team». Non nasconde una particolare ammirazione per Ivano Fossati e sottolinea la gratitudine per il pezzo dell’album donatogli dal Maestro: «Chiese la mia presenza alla sua data del Piccolo Teatro, a Milano, e io accorsi. Lui per me è un mito. Quando mi ha mandato Spari nel deserto mi è subito piaciuta, ma ho modificato un po’ l’armonia e rifatto totalmente l’arrangiamento. Temevo il suo feed-back, invece è stato solo contento».

Brano inglese a parte, le numerose collaborazioni straniere, la produzione meticcia e l’entusiasmo dell’artista per la lingua inglese («è molto più musicale, le canzoni suonano meglio»), lasciano presagire che il futuro potrebbe riservare una svolta in chiave più anglosassone. «La versione inglese di questo album? Lo spero» rivela Mengoni divertito. L’etichetta è laconica. Dice solo: «Ci stiamo lavorando».

http://www.onstageweb.com/interviste/marco-mengoni-pronto-a-correre-inglese/
avatar
luna
inviata guerriero
inviata guerriero

Messaggi : 3739
Data d'iscrizione : 07.03.11
Età : 35
Località : monza

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da luna il Lun 18 Mar - 20:20

“#PRONTOACORRERE”: “Essenziale sì, ma sempre Marco”

Si è conclusa poche ore fa la conferenza stampa di presentazione di “#PRONTOACORRERE”, il nuovo album di Marco Mengoni, che sarà distribuito nei negozi e reso disponibile al download presso gli stores digitali a partire da domani, martedì 19 Marzo 2013. Una cornice insolita per questo genere di eventi: l’incontro con la stampa si è tenuto in un’aula dell’Accademia delle Belle Arti di Brera a Milano, in quello che fu lo studio del pittore Hayez. Un connubio tra arti, musica e pittura, che ha proseguito per tutto il corso della conferenza. Tutti seduti su sgabelli in legno, Marco compreso, e intorno a noi cinque giovani artisti al lavoro. Sottofondo, perfetto!, la tracklist di “#PRONTOACORRERE”.

Appena entrato, Marco Mengoni ha spiegato che cosa stava accadendo di fronte ai nostri occhi durante l’ascolto dell’album. Studenti dell’Accademia hanno realizzato quattro opere d’arte, rielaborando altrettante foto che ritraevano lo stesso Marco. Verranno messe all’asta e il ricavato sarà utilizzato per creare delle borse di studio da destinare ad altri studenti dell’Accademia stessa. Un’idea partita proprio da Mengoni, che da sempre nutre una passione viscerale per l’arte, complici gli studi all’Istituto d’Arte ai tempi della scuola.

Dopo aver ascoltato l’intero album, ricco di collaborazioni importanti da Ivano Fossati a Cesare Cremonini fino alla star internazionele Mark Owen, ex Take That, Marco Mengoni si è seduto sul suo sgabello nell’atelier che gli si era creato attorno ed ha risposto alle nostre domande.

Perché questo titolo “PRONTOACORRERE”, ispirato a Twitter? Qual è il legame con la dimensione dei social?

Nasco nell’88, il boom della tecnologia, ho un pubblico che è molto attento al web: mi unisco alla società che si evolve. Questo titolo descrive a pieno le emozioni di questo momento. Sono già quattro anni che corriamo, ho iniziato a correre appena nato, come tutti. Non c’era titolo più giusto, era un disco difficile da titolare. Ho cambiato tutto, il team, la crew, la staffetta continua e ci passiamo il testimone.

Questo vuol dire che prima non eri pronto a correre?

No, lo sono sempre stato. Volevo mettere “Pronto a ricorrere”, ma non era il caso… Più che altro è una ripartenza, un correre continuo.

Hai detto di aver cambiato completamente il tuo team. Come mai questa scelta radicale?

Se io adesso sono qui, lo devo al pubblico, che mi ha dato riscontri positivi, ma sono qui anche perché “sono stato”. Non c’è niente che non sia andato, stavo molto bene, era un passaggio che andava fatto. Avevo voglia di cambiare, di confrontarmi con altre persone. E’ stato difficile, perché quando lavori è inevitabile instaurare dei rapporti importanti con il tuo team, è sempre difficile staccarsene. E’ stato un anno duro, ma che ha portato a ciò che stiamo presentando oggi.

A distanza di un mese dalla vittoria del Festival, che cosa ti rimane di Sanremo?

E’ stata un’esperienza fantastica, quest’anno come non mai. Non tanto per la vittoria della manifestazione, quanto per la vittoria del progetto che abbiamo presentato, la vittoria è vedere il riscontro positivo del pubblico, anche quello che non ti segue da più tempo, lo “zoccolo duro”. Mi ha lasciato anche la responsabilità di tenere la velocità di questo progetto che abbiamo lanciato ed è partito subito molto forte.

In “#PRONTOACORRERE” c’è una collaborazione con Ivano Fossati, con cui hai scritto “Spari nel deserto”. Come è nata questa canzone?

Ivano chiese la mia presenza al suo ultimo concerto prima del ritiro al Piccolo di Milano ed io corsi subito da Roma. Per me è stato bellissimo conoscerlo, perché per me è sempre stato ed è un mio mito, parlo da fan adesso. Dopo pochi mesi mi ha chiamato e mi ha proposto un pezzo. Mi sono impaurito, perché c’è il rischio di sentire un brano e non vederlo in linea con l’album che stai costruendo. Invece il suo mi è piaciuto tantissimo. Ci ho messo le mani, sia sul testo che nell’armonia, per renderlo più mio, ed ho rifatto completamente l’arrangiamento. Avevo paura del suo feedback, invece è stato molto contento, mi ha raggiunto in studio, abbiamo fatto insieme il missaggio di questo brano.

Cosa puoi dirci, invece, delle collaborazioni con gli artisti stranieri?

Mark Owen, forse per mio feeling personale, è sempre stato l’autore più forte nei Take That. E’ stato difficile fare il mio adattamento in italiano, perché l’inglese è molto più musicale come lingua. Ci ho sbattuto molte volte le corna, poi grazie ad Ermal Meta, ex fame di Camilla che è co-firma di “Pronto a correre”, siamo riusciti a trovare la chiave giusta. L’inciso è molto frammentato, era difficile mettere un testo lì, ma alla fine è uscita una frase semplice, ma che rende bene l’idea che avevo di questo pezzo che è nato con dei disegni.

Spiegaci meglio questo passaggio delle canzoni che nascono come disegni…

Mi riesce molto più facile immortalare un’immagine, un disegno, ed estrapolare poi da esso il senso ed il testo delle canzoni, probabilmente è dovuto ai miei studi all’Istituto d’Arte… Ci metto tantissimo a scrivere in questo modo, partendo da uno storyboard, ma è bello ritrovare la casa piena di disegni.

Ricollegandoci alla questione delle lingue. Perché hai scelto di inserire un brano in lingua inglese, “I Got The Fear”?

In “Solo 2.0″ erano presenti ben due brani in inglese. Ho provato insieme anche ad altri autori a mettere un testo in italiano, ma non siamo riusciti a trovare la giusta chiave, non aveva la stessa forza. Ci tenevo però, che ci fosse questo pezzo, perché è molto in linea con me, con il mio mondo un po’ rock’n'roll e un po’ blues.

E’ stato annunciato ufficialmente che parteciperai all’Eurovision Song Contest a Malmoe con “L’essenziale”. La proporrai in italiano o pensi di tradurla anche solo in parte in inglese?

No, sarà in italiano. La scelta di portare “L’essenziale” è dovuta al fatto che andiamo là per rappresentare l’Italia e questo pezzo è stato scritto a sei mani da tre autori italiani, me compreso. Già è difficile da soli rappresentare un intero Paese. Io nn giudico chi in passato ha partecipato all’Eurovision Song Contest riadattando i propri brani in inglese, sono scelte che ogni artista fa. Io sono molto patriottico ed ho scelto di rappresentare l’Italia nella sua lingua.

E’ prevista una edizione di “#PRONTOACORRERE” interamente in inglese o in spagnolo?

Non lo so ancora, ma lo spero. Magari saranno edizioni ridotte. No comment, come la mia società di edizioni (ride).

A proposito di collaborazioni, tu hai avuto modo di lavorare con Gianna Nannini per l’altro brano portato a Sanremo “Bellissimo”. All’epoca lei aveva dichiarato di aver voluto dar modo ai giovani usciti dai talent di esprimersi al massimo, molto più di quanto il talent stesso non avesse fatto. Ti trovi d’accordo? Per te è stato realmente così?

Per descrivere un’emozione o una situazione, la cosa migliore è scrivere di penna propria i brani, è difficile che un’altra persona sappia rappresentarti al meglio, perché scrive per come ti immagina lei. Gianna con me è stata bravissima in questo. Per quanto riguarda il talent, io ho questo peccato originale di provenire da lì, avevo già scritto un brano in merito nel precedente album (“Come ti senti”, ndr) . A me dispiace molto di più, però, quando scrivono di me come di un interprete, perché io in realtà scrivo i miei pezzi, ci lavoro. Non mi posso lamentare del talent perché è stato l’inizio.

Cesare Cremonini ha scritto per te “La Valle dei Re”. Com’è nata questa collaborazione?

Io odio Cesare! (ride) Perché lui è capace con una frase semplice e diretta di descrivere un concetto per cui io impiego giri di parole. La mia è una scrittura più metafisica, la sua molto più pragmatica. In realtà ne “La Valle dei Re” ha tirato fuori la sua parte meno pragmatica e più onirica, colpisce molto la frase che dico nello special un po’ beatlesiano: “Chiedo scusa, sono ancora un re”. Per uno che ha cominciato la propria carriera con un EP che si chiama “Re Matto”, è una bella figata! Ringrazio Cesare, che è un altro pazzo folle libero.

Prima hai accennato a come sia difficile che un pezzo scritto da altri riesca a rappresentarti in pieno, infatti in “Solo 2.0″ tutti i brani, eccetto qualche caso, erano nati da te. Anche in “#PRONTOACORRERE” tu compari come autore, ma hai lavorato su brani comunque creati da altri. Come si riesce a rappresentare una sfaccettatura di sé, nonostante questo?

In realtà, per quanto riguarda le collaborazioni con gli autori esteri, non ho mai riadattato o tradotto i testi proposti, anzi, ne ho cambiato del tutto il senso. Queste collaborazioni sono ciò che è rimasto della scrematura dei circa 40 provini che erano arrivati. Siamo partiti praticamente con Ben Hur, con una produzione faraonica. Questi, però, erano i pezzi che proprio mi rappresentavano meglio: una volta scritti ed adattati, messo il senso che tu vuoi far seguire alla composizione di quel pezzo, una volta riarrangiato, ti cuci il brano addosso. E’ come un abito largo, fai due cugni dietro e te lo stringi addosso, così è perfetto.

In questo disco, lo avevamo già visto a Sanremo, fai un uso diverso della voce, più essenziale, appunto, ed anche l’interpretazione lo è. Un altro cambio rispetto a ciò che avevamo visto fino ad adesso.

Beh, dobbiamo capire anche che cos’è la mia essenzialità, rimane comunque piuttosto barocca. Il confrontarti con altri autori, artisti o con chi con te partorisce questo disco, Michele Canova, è servito molto. Mi sono sempre guardato allo specchio, non so se per egocentrismo o insicurezza, però diventa alienante, guardi e vedi i tuoi difetti e dopo un po’ ti ci abitui a questi difetti. Confrontarsi con chi ha più esperienza in questo mestiere o chi ne ha meno o altre persone nella vita, volgendo anche la tua vita in una via più concreta, cambia anche il tuo modo di vedere la tua musica e la tua arte e quindi anche il modo di cantare. Rimane comunque il Marco di prima, ma oggi dà molta più importanza a ciò che scrive, alla parola, alle armonie e composizioni, alcune molto più semplici altre anche molto articolate. L’arzigogolo ci sta ogni tanto, ma deve essere un appuntamento. Ho le mie caratteristiche naturali, corde vocali sottili, mobilità vocale, vengo dal jazz, ho deciso di prendere il blues di New Orleans e portarlo in Italia, dove teniamo molto al testo in questo progetto. Sono contento di essere molto semplice in alcuni pezzi. Ci avevo già provato, ma non erano riusciti. Adesso sì.

http://www.melodicamente.com/marco-mengoni-presenta-prontoacorrere-essenziale-si-sempre-marco/
avatar
luna
inviata guerriero
inviata guerriero

Messaggi : 3739
Data d'iscrizione : 07.03.11
Età : 35
Località : monza

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da luna il Lun 18 Mar - 20:24

Dalla bacheca
Questa sera ci sarà un servizio su Marco al TG1 (l'edizione delle 20) -Staff
avatar
luna
inviata guerriero
inviata guerriero

Messaggi : 3739
Data d'iscrizione : 07.03.11
Età : 35
Località : monza

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da luna il Lun 18 Mar - 21:36

Dalla bacheca
-1 all'uscita di #PRONTOACORRERE!
Ecco gli impegni di Marco per la giornata di domani:
Verso le 11:30 sarà ospite in diretta a Deejay Chiama Italia con Linus e Nicola Savino su Radio Deejay (e DeejayTV);
Più tardi, alle 16, sarà ospite in diretta di Paola Gallo a Radio Italia (e Radio Italia TV);
Alle 18 appuntamento sulla pagina Google+ di Marco, dove potrete seguire in diretta l'hangout con nove fan!
Alle 19 circa, invece, sarà in diretta a "I Corrieri della Sera" con Pippo Pelo e Francesco Facchinetti su Radio Kiss Kiss Network
Domani vi daremo informazioni più dettagliate su tutti gli appuntamenti.
-Staff
avatar
luna
inviata guerriero
inviata guerriero

Messaggi : 3739
Data d'iscrizione : 07.03.11
Età : 35
Località : monza

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da anna il Mar 19 Mar - 19:34

Video di Veronica Del Soldà per Dagospia dalla feltrinelli di Roma

MENGONI, STAR IN LIBRERIA SULL'APPIA
Lucilla Quaglia per "Il Messaggero"

IL VIAGGIO DI MENGONI: DA SANREMO ALL'EUROFESTIVAL, VADO DI FRETTA
Andrea Laffranchi per il "Corriere della Sera"

FOTOGALLERY DAGOSPIA

trovate tutto QUI

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da luna il Mar 19 Mar - 21:12

tutti gli appuntamenti di oggi hanno tutti avuto luogo...appena sono disponibili tutti i link ve li posto
avatar
luna
inviata guerriero
inviata guerriero

Messaggi : 3739
Data d'iscrizione : 07.03.11
Età : 35
Località : monza

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da anna il Mar 19 Mar - 21:21

grazie luna

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da ubik il Mar 19 Mar - 23:09


1 - #L'ESSENZIALE
l'album si apre con il successo di sanremo
successo che auspichiamo si ripeta anche alla prossima edizione dell'Eurovison Song Contest

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da ubik il Mar 19 Mar - 23:17


2 - #NONMENEACCORGO
poppeggiante e ritmata, questa canzone sembra fatta per essere remixata in versione da discoteca
al primo ascolto mi piace e si nota molta cura nella base musicale, ...


Ultima modifica di ubik il Mer 20 Mar - 21:18, modificato 2 volte

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da ubik il Mar 19 Mar - 23:26


3 - #NONPASSERAI
autori stranieri per un brano pop melodico, non fantastico ma, mi sembra, adatto a buone variazioni live
noto un certo standard nella durata delle canzoni (si aggirano tutte sui 3 minuti e qualcosa) che spero non significhi uno standard anche di genere
poi con calma andrò a leggermi se i cori, che in questa incisione per esempio sottolineano un po' tutto il brano, sono di marco o se c'è qualche collaborazione


Ultima modifica di ubik il Mer 20 Mar - 21:19, modificato 1 volta

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da ubik il Mar 19 Mar - 23:41


4 - #UN'ALTRABOTTA
simpatico e leggerino buona la parte vocale
a sensazione per ora mi sembra meno sperimentale e citazionista dell'album precedente, anche se sento spesso il suono di tastiere anni'70, in questo pezzo bene anche i fiati


Ultima modifica di ubik il Mer 20 Mar - 21:42, modificato 1 volta

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da ubik il Mar 19 Mar - 23:46


5 - #LAVITANONASCOLTA
intro vagamente più rockeggiante
ma tutte musiche di autori stranieri?
buon brano, mi piace, poteva essere anche lui adatto per l'eurofestival


Ultima modifica di ubik il Mer 20 Mar - 21:47, modificato 1 volta

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da ubik il Mar 19 Mar - 23:51


6 - #PRONTOACORRERE
Mark Oven tra gli autori della musica, è lui la star inglese? Suspect
il testo invece è mengoni-meta, che credo sia quello della Fame di Camilla corriggetemi se sbalio
brano che da il titolo all'album, ritmato, genere ancora pop commerciale, mi sa che è questa la linea del disco ben confezionato però
questa per l'eurofestival era adattissima


Ultima modifica di ubik il Mer 20 Mar - 21:52, modificato 1 volta

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da ubik il Mar 19 Mar - 23:54


7 - #BELLISSIMO
Suspect mi sembra di averla già sentita
rimane una canzone bruttina commercialissima ma veramente banale


Ultima modifica di ubik il Mer 20 Mar - 23:01, modificato 1 volta

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da ubik il Mer 20 Mar - 0:02

8 #LAVALLEDEIRE
testo e musica di Cremonini



torna il tema del "re" Suspect brano più d'atmosfera dei precedenti che mi sembra permettere anche una maggiore attenzione e peso nell'interpretazione
interrompo il flusso di sensazioni a caldo causa stanchezza What a Face domani finisco di ascoltare

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 106
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Re: Marco Mengoni #Prontoacorrere

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum