DarkOver accendi una luce
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti attivi
» The Voice of Italy 2018
Da Saix91 Ven 16 Mar - 14:24

» ... e le stelle si fanno guardare
Da miki Ven 3 Mar - 15:23

» Sanremo 2017 - notizie e commenti
Da Saix91 Gio 9 Feb - 15:49

» ...mettiamoci comodi
Da Bellaprincipessa Mer 4 Gen - 11:21

» Addio a.....
Da anna Sab 30 Lug - 12:49

» The Voice of Italy 2016 - Live
Da Saix91 Mar 24 Mag - 15:09

» Eurovision Song Contest 2016 - Semifinali - Finale
Da anna Lun 16 Mag - 18:01

» X Factor 10 Notizie e commenti
Da anna Mer 11 Mag - 18:57

» Il Cinema sulla stampa
Da anna Mer 11 Mag - 18:55

» Il Giradischi
Da ubik Mar 10 Mag - 23:14

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Music Press

+12
mambu
ubik
Strawberry Fields
valestella817
maledimiele
seunanotte
Lucy Gordon
Stellaneltempo
istinto
Zoe
anna
anny_skod
16 partecipanti

Pagina 7 di 14 Precedente  1 ... 6, 7, 8 ... 10 ... 14  Successivo

Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da Strawberry Fields Dom 3 Lug - 20:39

Grandezza originale (quando sono andata io nessuno ha rubato niente e la lapide mi sembra integra ... ma è protetta da un cancelletto mentre le altre non lo sono ... pare che i fan quando non c'era il cancelletto su quella lapide ci facessero qualsiasi cosa, sesso compreso)
https://2img.net/h/oi53.tinypic.com/2e2i8w7.jpg


Music Press - Pagina 7 142voza
Strawberry Fields
Strawberry Fields
satellite artificiale
satellite artificiale

Messaggi : 1139
Data d'iscrizione : 06.03.11

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da anna Mar 5 Lug - 12:08

Bjork, il nuovo 'Biophilia' è più folk che pop

Bjork ritiene che il pop sia, in un certo senso, superficiale. E preferisce definire il suo nuovo album "Biophilia", del quale la data di pubblicazione confermata è ora definitivamente quella del prossimo 26 settembre, "musica folk d'oggigiorno". La cantante ha concesso un'intervista al quotidiano britannico "The Guardian" dopo la sua prima performance alla Campfield Market Hall del festival internazionale di Manchester e, seppur riconoscendo che "Biophilia" in fondo è un disco pop, ha detto: "Preferirei chiamarlo di musica folk, musica folk d'oggigiorno. Non sono mai stata una grande fan di Warhol e di tutta quella storia del pop. L'ho sempre sentita come un po' superficiale. Preferisco il folk. La gente. Gli umani". La 45enne Björk Guðmundsdóttir, che a Manchester ha presentato il nuovo brano "Thunderbolt", continuando a definire "Biophilia" ha aggiunto:

Il mio scopo principale è quello di non annoiare troppo me stessa. Sento che, se sono curiosa o elettrizzata, allora è molto più probabile che anche l'ascoltatore sia curioso o elettrizzato. Alla fine quello che conta è più la sensazione dell'avventura che i dettagli dell'avventura. Quindi in breve: qualsiasi cosa ti faccia eccitare". L'artista di Reykjavik, che da parecchi anni abita con il partner Matthew Barney, si esibirà alla Campfield Market Hall di Manchester anche nei giorni 7, 10, 13 e 16 luglio. Il concept di 'Biophilia', come riportato da Rockol già nello scorso marzo, è nato su iPad quando Bjork si è fatta affascinare dalle tante funzioni del supporto creato da Steve Jobs.
rockol

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 


Music Press - Pagina 7 Images?q=tbn:ANd9GcSmnzSHTwvRwkVSF585qfLN30jIM8UzxNp-VwWCPF1Hkf8ZrXWy
L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
anna
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 109

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da Lucy Gordon Mar 5 Lug - 16:01

Grave calo di voce per Ligabue, annullato per ora il concerto del 16 luglio a Reggio Emilia.


Comunicato shock per i fans di Ligabue, dopo Morgan e Giuliano Sangiorgi anche Luciano Ligabue si deve fermare per colpa di un calo di voce.

Fonte: non potabile!

Spoiler:
Stellaaaa, scherzetto!!!!!!! Music Press - Pagina 7 72045
Lucy Gordon
Lucy Gordon
agente critico
agente critico

Messaggi : 2903
Data d'iscrizione : 07.03.11

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da Stellaneltempo Mar 5 Lug - 16:37

Music Press - Pagina 7 88695

Non c'ho creduto neanche per mezzo secondo... Music Press - Pagina 7 456612

E comunque, casomai, canto io...le conosco meglio di lui le sue canzoni...

Music Press - Pagina 7 633622 Music Press - Pagina 7 633622 Music Press - Pagina 7 633622 Music Press - Pagina 7 633622
Stellaneltempo
Stellaneltempo
satellite artificiale
satellite artificiale

Messaggi : 1731
Data d'iscrizione : 15.03.11

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da anna Mar 5 Lug - 16:56

Music Press - Pagina 7 72045 Music Press - Pagina 7 72045 Music Press - Pagina 7 72045

Music Press - Pagina 7 30341 non è che c'è qualche fans dei Duran Duran? quello che ha problemi adesso è Simon le Bon, concerti annullati, anche in Italia

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 


Music Press - Pagina 7 Images?q=tbn:ANd9GcSmnzSHTwvRwkVSF585qfLN30jIM8UzxNp-VwWCPF1Hkf8ZrXWy
L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
anna
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 109

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da Lucy Gordon Mar 5 Lug - 17:01

anna ha scritto: Music Press - Pagina 7 72045 Music Press - Pagina 7 72045 Music Press - Pagina 7 72045

Music Press - Pagina 7 30341 non è che c'è qualche fans dei Duran Duran? quello che ha problemi adesso è Simon le Bon, concerti annullati, anche in Italia


..........perchè ancora campano? Music Press - Pagina 7 30341
Lucy Gordon
Lucy Gordon
agente critico
agente critico

Messaggi : 2903
Data d'iscrizione : 07.03.11

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da anna Mar 5 Lug - 17:26

Music Press - Pagina 7 30341 pare di si

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 


Music Press - Pagina 7 Images?q=tbn:ANd9GcSmnzSHTwvRwkVSF585qfLN30jIM8UzxNp-VwWCPF1Hkf8ZrXWy
L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
anna
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 109

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da Stellaneltempo Mar 5 Lug - 18:51

A iosa... Music Press - Pagina 7 2546660598

Non ho mai avuto un loro disco, ma decenne (si dice così di una che ha dieci anni?) impazzivo per John Taylor... Music Press - Pagina 7 731826434
Stellaneltempo
Stellaneltempo
satellite artificiale
satellite artificiale

Messaggi : 1731
Data d'iscrizione : 15.03.11

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da anna Ven 8 Lug - 14:37

Ecco perché 'I'm with you' dei Red Hot Chili Peppers si chiama così



Certo, sempre meglio "I'm with you" che quel "Dr Johnny Skinz’s disproportionately rambunctious polar express machine-head" per un certo periodo caldeggiato da Anthony Kiedis, anche se qualcuno è rimasto deluso da un titolo apparentemente neutro. Ora lo stesso Kiedis, intervistato da MTV, ha spiegato il perché i Red Hot Chili Peppers abbiano optato proprio per quel titolo.
Il cantante ha affermato che è stato il nuovo chitarrista Josh Klinghoffer ad offrire l'idea dopo che il produttore Rick Rubin aveva sconsigliato di dare all'album lo stesso titolo di uno dei brani del disco. "E' un titolo che sembra molto aperto, centrato sul momento in cui la band si trova, su cosa il gruppo sta facendo", ha detto. "E' aperto e non ci sono proprio connotazioni negative. E' invitante. Avevamo pensato di chiamarlo come una delle canzoni dell'album, ma quando ne ho fatto cenno a Rick mi ha detto: 'Fa sembrare che non abbiamo idee a sufficenza'. A un certo punto è saltato su Josh, tipo un giorno prima che ci fosse la scadenza per il titolo; ha scritto su un pezzo di carta 'I'm with you', ci abbiamo messo sopra gli occhi tutti insieme e abbiamo detto: 'Ecco il titolo del nostro disco'". Questi i brani:


"Monarchy of roses"
"Factory of faith"
"Brendan's death song"
"Ethiopia"
"Annie wants a baby"
"Look around"
"The adventures of Rain Dance Maggie"
"Did I let you know"
"Goodbye hooray"
"Happiness loves company"
"Police station"
"Even you Brutus?"
"Meet me at the corner"
"Dance, dance, dance".
I Chilis saranno in scena il prossimo 10 dicembre al Palaolimpico di Torino ed il giorno successivo al Forum di Assago, alle porte di Milano.
rockol

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 


Music Press - Pagina 7 Images?q=tbn:ANd9GcSmnzSHTwvRwkVSF585qfLN30jIM8UzxNp-VwWCPF1Hkf8ZrXWy
L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
anna
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 109

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da Stellaneltempo Ven 8 Lug - 16:53

"Ligabue, 13 i dischi in classifica
Ed e' attesa per Campovolo 2.0 il 16/7 a Reggio Emilia
08 luglio, 16:35

Ligabue, 13 i dischi in classifica (ANSA) - ROMA, 8 LUG - Ligabue ha fatto 13: tanti sono, infatti, i suoi dischi presenti nella classifica di oggi (GfK Retail and Technology Italia), prima volta per un artista ad avere cosi' tanti dischi contemporaneamente in classifica e record assoluto nella storia della nostra musica. Un altro traguardo del rocker dopo quello dei biglietti venduti per un unico concerto, 165.264 in occasione del primo Campovolo di Reggio Emilia, il 10 settembre 2005. Ed e' attesa per Campovolo 2.0, sabato 16 luglio."

Music Press - Pagina 7 560187

Io non c'entro.

Music Press - Pagina 7 92344
Stellaneltempo
Stellaneltempo
satellite artificiale
satellite artificiale

Messaggi : 1731
Data d'iscrizione : 15.03.11

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da Lucy Gordon Ven 8 Lug - 17:27

Stellaneltempo ha scritto:"Ligabue, 13 i dischi in classifica
Ed e' attesa per Campovolo 2.0 il 16/7 a Reggio Emilia
08 luglio, 16:35

Ligabue, 13 i dischi in classifica (ANSA) - ROMA, 8 LUG - Ligabue ha fatto 13: tanti sono, infatti, i suoi dischi presenti nella classifica di oggi (GfK Retail and Technology Italia), prima volta per un artista ad avere cosi' tanti dischi contemporaneamente in classifica e record assoluto nella storia della nostra musica. Un altro traguardo del rocker dopo quello dei biglietti venduti per un unico concerto, 165.264 in occasione del primo Campovolo di Reggio Emilia, il 10 settembre 2005. Ed e' attesa per Campovolo 2.0, sabato 16 luglio."

Music Press - Pagina 7 560187

Io non c'entro.

Music Press - Pagina 7 92344

minimo ne avrai comprate 5 copie per disco nella paura di perderli Music Press - Pagina 7 900517

Lucy Gordon
Lucy Gordon
agente critico
agente critico

Messaggi : 2903
Data d'iscrizione : 07.03.11

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da Stellaneltempo Ven 8 Lug - 18:38

E invece ti sbagli... Music Press - Pagina 7 258635
Stellaneltempo
Stellaneltempo
satellite artificiale
satellite artificiale

Messaggi : 1731
Data d'iscrizione : 15.03.11

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da mambu Ven 8 Lug - 19:04

Il problema non è che ne ha comprate 5 copie.

E' che le ha pure ascoltate Music Press - Pagina 7 1532903768
mambu
mambu
cometa
cometa

Messaggi : 518
Data d'iscrizione : 08.03.11

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da Stellaneltempo Ven 8 Lug - 19:19

Music Press - Pagina 7 141800

Music Press - Pagina 7 2546660598

Stellaneltempo
Stellaneltempo
satellite artificiale
satellite artificiale

Messaggi : 1731
Data d'iscrizione : 15.03.11

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da ubik Dom 17 Lug - 22:48

Intervista a Battiato

Le albe da trovare dentro l'imbrunire, la prima canzone in arabo, un titolo "I telegrafi del martedì grasso" rimasto nelle nebbie di un angiporto inglese. «Durante un tour a Manchester vidi una scritta sul muro. Invitava ad arruolarsi. Mi appropriai dell'idea e scrissi una canzone. Poi usai la frase per inclinare ereticamente il piano del mio disco». "Up patriot to arms". L'esortazione pretendeva una scelta e Franco Battiato indossò la divisa di complemento. Era il 1980.

Da allora, non è cambiato molto. «Mi parve giusto usarlo e oggi lo riutilizzo in una nuova tournée che parte da Roma perché questo Paese, come allora, ha bisogno di svegliarsi». All'epoca, il viso lungo del siciliano che scelse di naufragare a Milano ai tempi in cui la vita era agra e Luciano Bianciardi faceva notte al Bar Jamaica, cambiò le regole d'ingaggio della musica italiana. Due milioni di copie in tre anni. Estati solitarie, bandiere bianche, cinema all'aperto, voci del padrone, zingari, alberghi a Tunisi e sirene di Ulisse che non hanno mai conosciuto il difetto del calcolo.

Da allora Battiato, che crede nella reincarnazione, ha interpretato molte vite. Pittore, scrittore, regista, mentore, operista. Eremitaggi, sveglie alle cinque di mattina e ascese velocissime che a 66 anni lo hanno legato al palco. Ama schermirsi, definire «grossolano» ogni tentativo di interpretazione del reale, cambiare d'abito. Anche se il contesto, come la madre di una sua canzone è definitivamente imbiancato, la rabbia è rimasta giovane.
Voleva pensionare gli addetti alla cultura.
«Alla furia iconoclasta e dissacrante, in "Up patriots to arms" univo l'autoironia. Cantavo le pedane piene di scemi che si muovono e parlavo anche di me».

Riemergeva dalla musica elettronica.
«Ho avuto una fortuna spudorata. Lei non ha la minima idea di cosa fossero davvero gli anni Settanta. Un delirio di suoni, viaggi improbabili, slogan inutili. Un'ipnosi collettiva, non sempre lieta».

Ricordi?
«La sperimentazione era puro pauperismo. Interpolavo le composizioni aiutandomi con il Revox, uno strumento a nastro che avevo dominato a fatica, da autodidatta».

Cova qualche nostalgia?
«È incredibile che qualcuno abbia creduto nella mia follia. Quando un po' rivendicativi e fintamente nostalgici mi dicono: "Franco, ti ricordi quanto venivamo a vederti in quattro?", mi irrito. L'approvazione unanime non è mai stata un mio problema. Non sapevo neanche che hit parade significasse classifica».

Erano in quattro o era una balla?
«Non è vero ma non me ne è mai importato nulla. Il successo non era ancora diventato una legge di natura. Se cerca l'artista originale e incompreso casca male. Non ho mai sofferto perché il pubblico non mi assecondava. E comunque, tra il '72 e il '74, i miei primi due dischi superarono le 20 mila copie».

Quali erano i suoi riferimenti?
«Le influenze sono complesse. Mi sono progressivamente arricchito di insegnamenti che non posso considerare casuali. Ho scoperto la meditazione quando ero sopraffatto dalle nevrosi, i mistici quando la necessità di una sfera spirituale diventò urgente e i tibetani da dieci anni, studiandoli dal 1100 a oggi. Praticamente, non leggo altro».

Battiato aspira ancora all'ascesi?
«Nella vita ho incontrato persone interessantissime e confrontato punti di vista. Più di tutto ho osservato. Aeroporti, comportamenti, malinconie. Ho imparato che le categorie sono la cosa più stupida che esista. Ho visto intellettuali volgarissimi, geni e tassisti filosofi».

A Milano divenne amico di Giorgio Gaber.
«Giocavamo a poker a casa sua con Roberto Calasso e sua moglie Fleur. Il premio, per chi vinceva, erano i libri Adelphi. Ho conosciuto i russi, gli americani, i francesi, la letteratura. Era un bel periodo. La sera in cui Ombretta Colli conobbe Calasso gli disse: "Senti Roberto, io scrivo poesie, ti sarei grato se le potessi leggere". Tirò fuori un foglio e glielo porse. L'altro lo prese, lievemente in imbarazzo e poi rise. Il foglio era bianco, fu spiritosa».

Oggi Battiato è un uomo diverso?
«Quando qualcuno mi chiede di che segno sono, rispondo "ero dell'Ariete"».

Perché decise di cambiare?
«Non volevo rimanere lo stesso artista di prima. Non è il pubblico ad aver mutato parere su di me. Sono io che ho cambiato genere, decidendo di spostarmi con un certo apparente cinismo verso la musica commerciale».

Le spiace se parliamo di politica?
«Se proprio vuole».

Silvio Berlusconi sta tramontando?
«Somiglia a una vecchia gloria in declino che alla prima bottiglia piovuta sul palco, in un istante, capisce che la festa è finita».

Come ha fatto a rapire il senso comune?
«Certi programmi televisivi radicano il proprio consenso in un'area che, al pari dei rettili, accudisce solo tre esigenze fondamentali. Mangiare, defecare e procreare».

Procreare?
«Fare l'amore è già un concetto di ordine superiore».

Per "Radio Varsavia" subì un processo popolare. Le diedero quasi del fascista.
«I totalitarismi sono osceni. Comunque destra e sinistra mi annoiano. Cerco complessità differenti, più alte».

La classe politica non la convince.
«Non si può sparare nel mucchio. In generale, la detesto. Alcuni politici spendono in trucchi e illusionismi e negano le pensioni sociali. Quando vedo famiglie che risparmiano 5 euro mi sento male».

Povera patria?
«Il Paese si divide in tre micronazioni. Una schifosa, un'altra disillusa, che se ne frega di chiunque e l'ultima, che è eccezionale. È incredibile che nessuno abbia fatto una rivoluzione per liberarsi di manigoldi e cricche».

Duro.
«Giusto. Quella è gente capace di buttare via trenta milioni di euro per una piscina il cui tetto crolla ancor prima dell'inaugurazione o stanziarne seicento per un G8 mai realizzato. La moglie di un noto gentiluomo di Sua Santità attingeva direttamente ai finanziamenti statali. Non so se è chiaro. Se mi sono spiegato».

Chiarissimo.
«Allora devo essere severo e notare che l'opposizione ha sicuramente qualcosa di non limpido da nascondere».

Lei è più arrabbiato di Beppe Grillo.
«Grillo la sa lunga e ha rivelato non poche verità. Ma è troppo agitato e rischia di respingere. Se calma l'eloquio, si farà capire anche da chi si rifiuta di ascoltarlo».

Le donne nella politica del 2011?
«Non riesco a considerare le moderne ministre alla stregua di esseri umani tradizionali. Forse è un problema visivo. Portano occhiali eccessivi, montature allusive, sembrano le professoresse di certi film pornografici che a un tratto, senza preavviso, si rivelano».

Non l'abbiamo mai vista partecipare a un dibattito politico. Ascoltandola, non è difficile intuire il perché.
«Sarei dovuto andare da Santoro, ma non mi potevano garantire l'assenza di parlamentari. Odio litigare, ma sapevo che con loro, in pochi minuti, si sarebbe superato il limite della decenza. E all'impudicizia bisogna rispondere, scendendo in campo aperto. Con i professionisti del nulla perdi. Perdi sempre. Il problema è un altro».

Quale Battiato?
«Io sono contrario alle cavallerie pelose. Ricorda quando Veltroni, con la sua imperturbabilità si presentò alle elezioni sostenendo di stimare Berlusconi?».

Non disse esattamente così.
«Lo fece capire e partì male. Se avesse detto: "Io con questo signore non parlo, fino a quando non smetterà di insultarci", gli avrei creduto. La gentilezza formale opposta agli slogan non ha aiutato chi cercava un'alternativa».

Questa è un'epoca per gli sloganatori come li chiamava Arbasino.
«I pappagalli, ma sarebbe più giusto chiamarli servi, sono abituati a ripetere a memoria la lezioncina».

In Italia siamo rapidi a deificare e abbattere illusioni in un lampo.
«È una vecchia storia. Questo è il Paese del colonialismo che infilzava i bambini libici con le baionette. Del fascismo alleato con i tedeschi che tagliavano la gola con le corde di violino perché la sofferenza durasse più a lungo. C'è una zona nera, di una violenza inaudita».

Spera nei giovani?
«Mai stato giovanilista, neanche nell'adolescenza. Puntavo alla vecchiaia e in effetti, mi trovo meglio adesso. Il vitalismo dei 16 anni è un inganno. Senza l'esperienza mancano gli strumenti per orientarti».

Lei li possiede?
«Li cerco. Quando ascolto qualcuno che ha i mezzi per interpretare la realtà mi inchino. Lo riconosco come simile».

Lei vive a Milo, in un eremo tra pietre, sole, vulcani e silenzio. Insegue come in una sua vecchia canzone: "La misantropia celeste di Benedetti Michelangeli"?
«Non sono un misantropo. Provo compassione, conservo le amicizie, amo la compagnia non meno della solitudine. Ho vissuto un'infanzia tribale con compagni di strada con i quali condividevo l'avventura di un genitore emigrante».

Suo padre saliva sui piroscafi, sudava nei porti americani e sembrava un manifesto vivente del Nuovo mondo.
«Amava la musica, ma temeva che ne facessi un mestiere. Era spesso lontano e i soldi erano pochi. Sono cresciuto tra le donne. Con mia nonna, mia madre Grazia, una mia zia sarta e un gruppo di allieve che avrebbe fatto impazzire Roman Polanski. Divertimento puro. Attraverso la loro semiologia sentimentale, i racconti e la descrizione del contesto ho imparato a leggere i volti e ciò che trasmettono».

Battiato è lombrosiano?
«Non sono così schematico. Per me la fisognomica è una questione di vibrazione. Di empatia con il prossimo. Se sento che la persona che mi sta davanti e non per motivi estetici, che pure contano, non mi piace, io scappo a gambe levate».

La sua spiritualità ogni tanto esonda. Con la chiesa del teologo Joseph Ratzinger non è stato tenero in passato.
«Come diceva Jung, un conto è la teologia, altro è l'esperienza».

Però lei suonò per Wojtyla.
«Mi chiamò un dirigente della Emi: "A Battia', te cerca er Papa". Riflettei il giusto e poi andai».

Da trent'anni, la critica musicale la incensa senza percepibili dissonanze. Al cinema le cose vanno diversamente. Il suo "Musikanten", al Festival di Venezia venne fischiato.
«Quando la critica non codifica, stronca. Venezia purtroppo è quel che è. Una gogna dove il gaudio massimo è il dileggio. Durante la proiezione entrarono ragazzi che telefonavano e ridevano».

Inaccettabile?
«Non so se li abbia mandati qualcuno, ma in un Paese serio i critici si alzano e bloccano immediatamente la proiezione. Invece non è successo niente. È triste. Capita anche ai maestri comunque».

A chi si riferisce?
«Sono andato a vedere "L'albero della vita" e la gente sembrava a un concorso di barzellette. Malick avrebbe potuto tagliare qualcosa, ma meritava rispetto».

Lei però continua a pensare al cinema.
«Preparo un'opera su Haendel. Il mio documentario su Gesualdo Bufalino è stato proiettato in mezza Europa. E il pubblico altrove è più libero. Da cantante posso fare qualsiasi cosa. Dietro la macchina da presa sono in viaggio. Cerco lo straniamento, una fotografia impervia, la mia maturità. Ho molto da dire, mi creda».

Chi la conosce la descrive permaloso. Ha ascoltato l'imitazione di Fiorello?
«Fiorello è simpatico. Ci siamo incontrati: "La potresti fare meglio", gli ho detto. "Esageri con l'accento siciliano"».

Lui?
«Si è divertito. L'avevo studiata e ho scambiato i ruoli: "Un oceano di silenzio, scorre lento...". (stavolta è Battiato a imitare Fiorello, ndr.). Non voleva crederci».

Tra il 1979 e l'82 vendette un milione e mezzo di dischi. Poi confessò che considerava "Centro di gravità permanente" un motivo banale salvato da un buon testo. Un'abiura?
«Che le posso dire? Ancora oggi eseguo in concerto alcuni pezzi di allora. Gli sono affezionato. Cambiamo tutti e, invecchiando, andiamo all'essenziale. La mia radice è assolutamente metafisica. Non avrebbe bisogno di parola né di spiegazione».

Progetti?
«Ultimamente ho lavorato a un'opera su Bernardino Telesio. Abbiamo debuttato a maggio al teatro Rendano di Cosenza che ce l'ha commissionata. Mi ha fatto bene. Preferisco essere in una zona in cui la necessità di comunicare urgentemente sia bandita come la peste. È la mia natura».

dagospia

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch
Music Press - Pagina 7 Tumblr_m48op8vCUr1qercxjo2_r3_250
Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
ubik
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 109
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Music Press - Pagina 7 Empty Re: Music Press

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 7 di 14 Precedente  1 ... 6, 7, 8 ... 10 ... 14  Successivo

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.