Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» ... e le stelle si fanno guardare
Da miki Ven 3 Mar - 15:23

» Sanremo 2017 - notizie e commenti
Da Saix91 Gio 9 Feb - 15:49

» ...mettiamoci comodi
Da Bellaprincipessa Mer 4 Gen - 11:21

» Addio a.....
Da anna Sab 30 Lug - 12:49

» The Voice of Italy 2016 - Live
Da Saix91 Mar 24 Mag - 15:09

» Eurovision Song Contest 2016 - Semifinali - Finale
Da anna Lun 16 Mag - 18:01

» X Factor 10 Notizie e commenti
Da anna Mer 11 Mag - 18:57

» Il Cinema sulla stampa
Da anna Mer 11 Mag - 18:55

» Il Giradischi
Da ubik Mar 10 Mag - 23:14

» Marco Mengoni
Da anna Sab 7 Mag - 19:59

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



La casa della Poesia

Pagina 5 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da miki il Ven 15 Lug - 16:31

@ lucylka per le sue foto (pag.4) di nuvole, lecticchia..

Wislawa Szymborska

Nuvole

Dovrei essere molto veloce
nel descrivere le nuvole-
già dopo una frazione di secondo
non sono più quelle, stanno diventando altre.

La loro caratteristica è
non ripetersi mai
in forme, sfumature, pose, disposizione.

Non gravate dalla memoria di nulla,
si librano senza sforzo sui fatti.

Ma quali testimoni di alcunché-
si disperdono all’istante da tutte le parti.

In confronto alle nuvole
la vita sembra solida,
pressoché duratura e quasi eterna.

Di fronte alle nuvole
perfino un sasso sembra un fratello
su cui si può contare,
loro invece sono solo cugine lontane e volubili.

Gli uomini esistano pure, se vogliono,
e poi uno dopo l’altro muoiano,
loro, le nuvole, non hanno niente a che vedere
con tutta questa faccenda
molto strana.

Al di sopra di tutta la tua vita
e della mia, ancora incompleta,
sfilano fastose così come già sfilavano.

Non devono insieme a noi morire,
né devono essere viste per fluttuare.
avatar
miki
inviata dall'estero
inviata dall'estero

Messaggi : 2308
Data d'iscrizione : 11.03.11
Età : 51
Località : varsavia

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da ubik il Sab 16 Lug - 0:34



Sont ona mamma, mì…sont ona mamma,

son la mamma di gatt…che riden nò,
'se gh'è denter de mal a vess la mamma
di gatt?…
A mì 'l me mort el mè popò…
Sont a Mombell?…e inscì?… Son chì in di matt?…
Sont ona mamma, mì!… Mamma di gatt!…


Sont ona mamma, hoo ditt! Fèmm nò inrabì!…
De che gh'hoo in brascia e stringi 'sto gattin,
quij brutt carogn me ciamen sempr'inscì!…
L'è nò 'n gattin quest chì, l'è 'l mè fiolin:
sont minga matta, mì, nò…hinn lor i matt!
Per quell, al mè fiolin, ghe disen gatt!


Chi sont?…Perché son chì?…Nò…dèmm a trà,
passee nò inscì, senza guardamm!…Nassuda.
mì son nassuda…cert!…El mè papà?…
Mah?!… La mamma?…L'hoo minga cognussuda;
m'ha tiraa grand on òmm…sì…on vecc ballòtta
ch'el me piccava semper per nagòtta!…


Spettee che me ven in ment!…De piscininna
'dess me regordi…i man pien de gelon…
el fòss…el lavatòj…la candegginna…
el baltrescà coi locch in sul bastion…
poeu 'l primm moros…la vitta de la strada,
e tanti bott…e semper bastonada!…


Ma on dì…sentii se vorii rid!… On dì,
me sont trovada mamma!…Ona pellascia
'me mì, con vun su i spall de mantegnì,
mamma!…Mì, mamma…e s'eri ona donnascia!
Gh'hoo avuu vergògna, mì, di alter mamm
E hoo tòlt giò quajcoss per velenamm.


Sont stada a l'ospedal sett mês de fila,
prima de mett al mond el mè fiolin,
mì s'era diventada ona candila
che deslenguava tutta in d'on lettin,
e in di primm temp n'hoo faa del bestemmà
e del pregà 'l Signor de famm crepà!


Ma quand l'hoo sentii a moeuves denter chì,
l'è staa come se 'l ciel el se derviss!
Ma, allora, mì hoo pensaa…se moeuri mì,
an'lù el me moeur…el moeur…el và…el spariss!
Perché mì hoo de mazzà 'l mè piscinin…
Che colpa ghe n'ha lù, poer angiolin?…


E mì, dònna de strada…e mì, pell gramma,
che al mond gh'avea nissun de voregh ben,
de quell moment me son sentida mamma,
mamma 'me i alter, e hoo maledii el velen
che 'l me inciodava in lett, con la paura
che 'l me fasess morì la creatura!


Còssa hoo patii quij mês in de quell lett!…
Doveva stà lì ferma, irrigidida,
come ona mòrta sora al catalett…
E mì stava lì ferma, irrigidida:
faseva appena "inscì" per tirà 'l fiaa…
moveva nanca i oeucc, per non fagh maa!


Faseva viaggià 'l coo…la fantasia!
Tutta ona vitta noeuva innanz a mì:
tutt bell…tutt roeus…tutt fior…tutta poesia!
Cara el mè bell nanin, tutta per tì!…
E chì, in del coeur, come on torment…'na fiamma!
S'eri ona mamma mì, s'eri ona mamma!


Mamma!…Mai pù la vitta de la strada,
l'andà a dormì col primm che capitava…
patì tutt i vergogn…vess maltrattada,
segnada a did…perché me se pagava…
Ma deventà anca mì ona dònna onesta
e camminà per lù, cont alt la testa!


M'hann daa l'indormentinna, poeu a la fin…
Quand son tornada in mì, suor Margheritta:
"Pazienza" la m'ha ditt…"el so fiolin
l'è in ciel…ma a lee gh'è staa salvaa la vitta.
De fass coragg…stà allegra e non casciass,
che tant gh'è nò staa 'l temp de affezionass!…"


Ghe sont saltada al coll, come ona jenna!
Ah, mì gh'hoo avuu nò 'l temp de affezionamm…
Mì, che gh'hoo daa el mè sangu, venna per venna!…
E ti te ghe 'coragg de tormentamm?…
Te patii tì 'me mì in 'sta vitta gramma,
mònega, tì…che te set minga mamma?


Con che diritto me l'avii mazzaa?…
Con che diritto, dimm, el tò dottor,
senza dimm nient, me l'ha sacrificaa?…
Chi ve l'ha ditt de dammel 'sto dolor?…
Perché, se vun di duu el dovea morì,
perché mazzamel lù…perché no mi?


Canaja d'on destin!… Mì, maledetta!…
Seri ona prostitutta…on pòcch de bon…
Ma ti t'el seet, Madonna benedetta,
cossa t'avea promiss in di orazion!
Perché trattam inscì…Brutti assassin!
Mi voeuj el mè fiolin…el mè bambin!


L'è no 'n gattin quest chì…fegh on poo festa!
L'è 'l mè fiolin!…'Dess me regordi pù!
M'hann ligaa su on bell dì…m'hann miss 'sta vesta…


Me tegnen denter chì, sarada sù…
'Se me ne importa a mi vess chì in di matt!
Sont ona mamma, mì!…Mamma di gatt!


poesia di G.Barrella interpretata da Ciliana Caselli Incerti

_________________
Le idee sono simili a pesci. Se vuoi prendere un pesce piccolo, puoi restare nell'acqua bassa. Se vuoi prendere il pesce grosso, devi scendere in acque profonde. D. Lynch

Fu così che Olo arrivò a conoscere se stesso; e come quei pochi uomini che lo avevano fatto prima di lui, arrivato in cima a questo pinnacolo di conoscenza si trovò ai piedi di una montagna. T. Sturgeon
Avevano parlato, poco, ma quanto bastava per scegliersi. Ci sono parole come le conchiglie, semplici ma con il mare intero dentro. A. D’Avenia
avatar
ubik
admin ubik
admin ubik

Messaggi : 22273
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 105
Località : milano

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da miki il Mar 19 Lug - 22:42

Charles Baudelaire
Profumo esotico

Quando, ad occhi chiusi, in una calda sera d'autunno,
respiro l'odore del tuo seno ardente,
vedo svolgersi spiagge felici
nei fuochi abbaglianti d'un sole monotono;
č un'isola indolente dove la natura mostra
alberi strani e frutti saporiti,
uomini dal corpo snello e vigoroso,
donne dallo sguardo schietto ch'č un incanto.

Sulla scia del tuo odore vado verso climi affascinanti,
verso un porto stipato d'alberature e di vele
ancora affaticate dai flutti del mare,
mentre il profumo di verdi tamarindi,
che circola nell'aria gonfia le mie narici
e si fonde nella mia anima col canto dei marinai.
avatar
miki
inviata dall'estero
inviata dall'estero

Messaggi : 2308
Data d'iscrizione : 11.03.11
Età : 51
Località : varsavia

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da miki il Lun 25 Lug - 22:57

Wislawa Szymborska, Monologo di un cane coinvolto nella storia

Ci sono cani e cani. Io ero un cane eletto.
Con un buon pedigree e sangue di lupo nelle vene.
Abitavo su un’altura inalando i profumi delle vedute
sui prati soleggiati, sugli abeti dopo la pioggia
sulle zolle di terra tra la neve.

Avevo una casa come si deve e servitù.
Ero nutrito, lavato, spazzolato,
portato a fare belle passeggiate.
Tutti sapevano bene a chi appartenevo.

Ogni bastardo rognoso è capace di avere un padrone.
Attenti però – lungi dai paragoni.
Il mio padrone era unico nel suo genere.
Aveva un branco imponente che lo seguiva passo a passo
fissandolo con ammirazione timorosa.

Per me c’erano sorrisini
con malcelata invidia.
Perché solo io avevo il diritto
di accoglierlo con salti veloci,
solo io – di salutarlo tirandogli i calzoni.
Solo a me era permesso
con la testa sulle sue ginocchia,
accedere alle carezze a alle tirate per le orecchie.
Solo io potevo far finta con lui di dormire,
e allora si chinava sussurrandomi qualcosa.
Con gli altri si arrabbiava spesso e rumorosamente.

Ringhiava contro di loro, latrava,
correva da parete a parete.
Penso che solo a me volesse bene,
a nessun altro.

Avevo anche doveri: abbaiare, fidarmi.
Perché faceva brevi comparse e spariva per molto.
Non so cosa lo trattenesse là, nelle valli.
Intuivo però che si trattava di affari pressanti,
perlomeno così pressanti
come per me lottare con i gatti
e con tutto ciò che si muove inutilmente.

C’è destino e destino. Il mio mutò di colpo.
Giunse una primavera,
e lui non era insieme a me.

In casa si scatenò uno strano andirivieni.
Bauli, valige, cacciati nei cofani delle auto.
Le ruote sgommando scendevano in giù
e si zittivano dietro la curva.

Sulla terrazza bruciavano masserizie, stracci,
casacche gialle, fasce con simboli neri
e molti, moltissimi cartoni strappati
da cui cadevano bandierine.

Gironzolavo in quel caos
più stupito che arrabbiato.
Sentivo sul pelo sguardi sgradevoli
come se fossi un cane senza padrone,
un randagio molesto
che si scaccia con la scopa fin dalle scale.

Uno mi strappò il collare borchiato d’argento.
Uno diede un calcio alla mia ciotola da giorni vuota.
E poi l’ultimo, prima di partire,
si sporse dalla cabina di guida
e mi sparò due volte.

Neanche capace di mirare giusto,
così la mia morte fu lenta e dolorosa
nel ronzio di mosche spavalde.
Io, cane del mio padrone.

Wislawa Szymborska, Monologo di un cane coinvolto nella storia, in Due punti, Milano, Adelphi, 2006, trad. P. Marchesani
avatar
miki
inviata dall'estero
inviata dall'estero

Messaggi : 2308
Data d'iscrizione : 11.03.11
Età : 51
Località : varsavia

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da miki il Lun 8 Ago - 16:11

Bolesław Leśmian Nel cespuglio di lamponi

Nel cespuglio di lamponi, immersi fino al capo
e persi allo sguardo dei curiosi, lungamente
coglievamo i lamponi cresciuti quella notte.
T’insanguinava tutte le dita il loro succo.

Il tafano spaventava i fiori,
la foglia egra scaldava i grumi fulvi, pendagli
luminosi di ragne stracciate sfavillavano,
camminava all’indietro uno scarabeo peloso.

Ci soffocavano i lamponi che, bisbigliando,
spiccavi, e il nostro bisbiglio tacque nell’aroma
solo quando con le labbra colsi dal tuo palmo
i frutti che il profumo del tuo corpo intrideva.

Divennero i lamponi strumento di carezze
le prime, le più stupide, che nel cielo intero
altre ebbrezze non sanno, che non siano esse stesse,
e nella propria stranezza vogliono ripetersi.

Poi non so, com’è stato, ne’ in che palpebrare,
hai sfiorato col labbro la mia fronte sudata,
io ti ho preso le mani – me le hai date, raccolta,
in quel persistere interno, denso, dei lamponi.

Spoiler:
ecco a voi un’altro poeta polacco che mi piace molto. Ero molto curiosa come si puo tradurre uno come lui che inventa e reinventa le parole, fa giocchini, le storpia... era un inventore di neologismi e di versi-diversi..
(a me piace mooltissimo gioccare con le parole percio' mi piace molto leggerlo e il suo senso d'humor)


Veleria Rossella:
„…Leśmian, autore quanto mai impervio da tradurre, il motivo più interessante è quello della natura che è concepita come un universo animistico, in cui nulla mai nasce o muore veramente, senza l’orizzonte della trascendenza, ma visitato da un Dio morente e sfuggente come le sue creature, autore di una creazione incompleta, anzi imperfetta, metaforica, priva di pace. C’è In Leśmian una fondamentale idea di latenza…. …Straordinaria è la lingua di cui si serve Leśmian: reinventa il polacco, approffitando della sua estrema duttilita’, lumeggiando le radici con giochi di prefissi, usando voci dialettali o dimenticate, spesso formando neologismi, ricreando cosi nel tessuto stesso della parola quell’universo inquieto e metaforico della sua poesia.
…la natura, spinozianamente soggetto e oggetto di se stessa, il suo primordiale erotismo un po’ cannibalesco, cespuglio di lamponi – e la sera in campagna, dove „finisce Dio – incomincia l’erba…”
avatar
miki
inviata dall'estero
inviata dall'estero

Messaggi : 2308
Data d'iscrizione : 11.03.11
Età : 51
Località : varsavia

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da anna il Sab 10 Set - 20:02

Analfabeta Politico
Il peggior analfabeta è l’analfabeta politico

Egli non sente, non parla, né s’interessa
degli avvenimenti politici.

Egli non sa che il costo della vita,
il prezzo dei fagioli
del pesce, della farina, dell’affitto
delle scarpe e delle medicine
dipendono dalle decisioni politiche.

L’analfabeta politico è così somaro
che si vanta e si gonfia il petto
dicendo che odia la politica.

Non sa l’imbecille che
dalla sua ignoranza politica nasce la prostituta,
il bambino abbandonato, l’assaltante
e il peggiore di tutti i banditi
che è il politico imbroglione,
il mafioso, il corrotto,
il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali.
(Bertolt Brecht)

_________________
"L'arma più potente nelle mani degli oppressori è la mente degli oppressi". Steven Biko: 



L’unico approccio umano alla guerra è l’abolizione, com’è successo con la schiavitù. Gino Strada

Be the change you wish to see in the world - Mahatma Gandhi
avatar
anna
admin anna
admin anna

Messaggi : 18296
Data d'iscrizione : 27.02.11
Età : 105

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da mambu il Sab 10 Set - 20:33



Quelli che portano via la carne dalle tavole
insegnano ad accontentarsi.
Coloro ai quali il dono è destinato
esigono spirito di sacrificio.
I ben pasciuti parlano agli affamati
dei grandi tempi che verranno.
Quelli che portano all’abisso la nazione
affermano che governare è troppo difficile
per l’uomo qualsiasi.

Bertolt Brecht
avatar
mambu
cometa
cometa

Messaggi : 518
Data d'iscrizione : 08.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da seunanotte il Mar 4 Ott - 18:44

Creazione


Sono vivo e ho sorpreso nell’alba le stelle.
La compagna continua a dormire e non sa.
Dormon tutti, i compagni. La chiara giornata
mi sta innanzi più netta dei volti sommersi.

Passa un vecchio in distanza, che va a lavorare
o a godere il mattino. Non siamo diversi,
tutti e due respiriamo lo stesso chiarore
e fumiamo tranquilli a ingannare la fame.
Anche il corpo del vecchio dev’essere schietto
e vibrante – dovrebbe esser nudo davanti al mattino.

Stamattina la vita ci scorre sull’acqua
e nel sole: c’è intorno il fulgore dell’acqua
sempre giovane, i corpi di tutti saranno scoperti.
Ci sarà il grande sole e l’asprezza del largo
e la rude stanchezza che abbatte nel sole
e l’immobilità. Ci sarà la compagna
- un segreto di corpi. Ciascuno darà una sua voce.

Non c’è voce che rompe il silenzio dell’acqua
sotto l’alba. E nemmeno qualcosa trasale
sotto il cielo. C’è solo un tepore che scioglie le stelle.
Fa tremare sentire il mattino che vibra
tutto vergine, quasi nessuno di noi fosse sveglio

Cesare Pavese
avatar
seunanotte
cometa
cometa

Messaggi : 495
Data d'iscrizione : 08.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da miki il Gio 13 Ott - 22:31

Addio alle lanterne
Scritto da Konstanty I. Galczyñski (1905-1953)

Voi che di notte risplendete
rischiarando i vicoli stretti,
sempre pazienti e uguali siete,
voi - le stelle dei poveretti;
e l'uomo che a caso procede,
di notte, ubriaco, nel gelo,
alzando la testa vi vede,
e mormora: - Son forse in cielo?
ADDIO, MIE CARE LANTERNE.
Voi, qualunque contrada accolga
la vostra luce indulgente,
a Parigi, dove una volta
amai senza ottenere niente;
o a Londra, ove la nebbia rammenta
il sonno e il vento è un ossesso,
e dove la lanterna "addenta
con la luce" - già Eliot l'ha detto.
ADDIO, MIE CARE LANTERNE.
Voi che cantate ogni notte,
finché Venere ancora balena,
voi sotto le quali tre volte
lessi il "Divino Poema";
voi di paura non tremate,
come sonetti nell'eternità,
voi con la luce perdonate
come donne - popoli e città.
ADDIO, MIE CARE LANTERNE.

(trad. P. Statuti)
avatar
miki
inviata dall'estero
inviata dall'estero

Messaggi : 2308
Data d'iscrizione : 11.03.11
Età : 51
Località : varsavia

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da Strawberry Fields il Sab 15 Ott - 20:26

Istruzioni per dormire


Certo, addormentarsi.
Scacciare la luna
dalla finestra.
Mettere in contumacia
le zanzare.
Stabilire per i gatti
lo spazio notturno.
Zittire i malinconici
cani dei vicini.
Chiudere l’udito
a tutti i rumori
tranne a quello della pioggia.
Relegare tutti i pensieri
angosciosi nel posto
che gli spetta,
nel tempo passato
o futuro.
sistemare i sentimenti
nei reconditi
meandri del cuore,
in astucci
chiusi a chiave fino all’alba.
Reprimere i dolori.
Controllare i desideri
e superare le offese.
Non comporre poesie.
Afferrare il filo di una storia
e inventare una favola.
Fungere da mamma a se stessi.
Essere la propria amata.
Coprire di baci
il cuore insoddisfatto.
Coprire con una coperta
le membra infreddolite.
Entrare
nell’enclave monastica
del buio e del silenzio.
Andare lontano.
In capo al mondo.
Al confine dei sogni e dei non sogni.
E magari
ancora più lontano.

Kajetan Kovič
avatar
Strawberry Fields
satellite artificiale
satellite artificiale

Messaggi : 1139
Data d'iscrizione : 06.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da seunanotte il Mar 18 Ott - 20:45

Così siamo

Dicevano, a Padova, «anch'io»

gli amici «l'ho conosciuto».

E c'era il romorio d'un'acqua sporca

prossima, e d'una sporca fabbrica:

stupende nel silenzio.

Perché era notte. «Anch'io

l'ho conosciuto.»

Vitalmente ho pensato

a te che ora

non sei né soggetto né oggetto

né lingua usuale né gergo

né quiete né movimento

neppure il né che negava

e che per quanto s'affondino

gli occhi miei dentro la sua cruna

mai ti nega abbastanza.

E così sia: ma io

credo con altrettanta

forza in tutto il mio nulla,

perciò non ti ho perduto

o, più ti perdo e più ti perdi,

più mi sei simile, più m'avvicini.


Andrea Zanzotto
avatar
seunanotte
cometa
cometa

Messaggi : 495
Data d'iscrizione : 08.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da miki il Mar 1 Nov - 21:37

Jan Twardowski, Affrettiamoci ad amare

Affrettiamoci ad amare gli uomini se ne vanno così presto
e dopo di loro rimangono le scarpe e un telefono muto
solo ciò che importa poco si trascina come una vacca
quello che importa molto avviene all’improvviso
poi un silenzio normale quindi del tutto insopportabile
come una purezza nata semplicemente dalla disperazione
quando pensiamo a qualcuno rimanendo senza di lui

Non essere certo di aver tempo poiché la certezza è incerta
ci toglie la sensibilità così come ogni felicità
arriva simultaneamente come il pathos e l’humor
come due passioni sempre più deboli di una sola
e se ne vanno da qui così veloci tacciono come il tordo in luglio
come un suono un po’ maldestro oppure come un inchino secco
chiudono gli occhi per vedere davvero
nonostante nascere sia un rischio maggiore del morire
amiamo sempre troppo poco e sempre troppo tardi

Non scriverne troppo spesso ma scrivilo una volta per sempre
e sarai come un delfino mite e forte

Affrettiamoci ad amare gli uomini se ne vanno così presto
e quelli che non se ne vanno non sempre ritornano
e parlando dell’amore non si sa mai
se il primo sia l’ultimo o l’ultimo sia il primo
avatar
miki
inviata dall'estero
inviata dall'estero

Messaggi : 2308
Data d'iscrizione : 11.03.11
Età : 51
Località : varsavia

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da miki il Lun 7 Nov - 21:42

GIORGIO CAPRONI
LITANIA

Genova mia città intera.
Geranio. Polveriera.
Genova di ferro e aria,
mia lavagna, arenaria.

Genova città pulita.
Brezza e luce in salita.
Genova verticale,
vertigine, aria scale.

Genova nera e bianca.
Cacumine. Distanza.
Genova dove non vivo,
mio nome, sostantivo.

Genova mio rimario.
Puerizia. Sillabario.
Genova mia tradita,
rimorso di tutta la vita.

Genova in comitiva.
Giubilo. Anima viva.
Genova in solitudine,
straducole, ebrietudine.

Genova di limone.
Di specchio. Di cannone.
Genova da intravedere,
mattoni, ghiaia, scogliere.

Genova grigia e celeste.
Ragazze. Bottiglie. Ceste.
Genova di tufo e sole,
rincorse, sassaiole.

Genova tutta tetto.
Macerie. Castelletto.
Genova d'aerei fatti,
Albaro, Borgoratti.

Genova che mi struggi.
Intestini. Caruggi.
Genova e così sia,
mare in un'osteria.

Genova illividita.
Inverno nelle dita.
Genova mercantile,
industriale, civile.

Genova d'uomini destri.
Ansaldo. San Giorgio. Sestri.
Genova in banchina,
transatlantico, trina.

Genova tutta cantiere.
Bisagno. Belvedere.
Genova di canarino,
persiana verde, zecchino.

Genova di torri bianche.
Di lucri. Di palanche.
Genova in salamoia,
acqua morta di noia.

Genova di mala voce.
Mia delizia. Mia croce.
Genova d'Oregina,
lamiera, vento, brina.

Genova nome barbaro.
Campana. Montale, Sbarbaro.
Genova dei casamenti
lunghi, miei tormenti.

Genova di sentina.
Di lavatoio. Latrina.
Genova di petroliera,
struggimento, scogliera.

Genova di tramontana.
Di tanfo. Sottana.
Genova d'acquamarina,
area, turchina.

Genova di luci ladre.
Figlioli. Padre. Madre.
Genova vecchia e ragazza,
pazzia, vaso, terrazza.

Genova di Soziglia.
Cunicolo. Pollame. Trilia.
Genova d'aglio e di rose,
di Pré, di Fontane Masrose.

Genova di Caricamento.
Di Voltri. Di sgomento.
Genova dell'Acquasola,
dolcissima, usignuola.

Genova tutta colore.
Bandiera. Rimorchiatore.
Genova viva e diletta,
salino, orto, spalletta.

Genova di Barile.
Cattolica. Acqua d'Aprile.
Genova comunista,
bocciofila, tempista.

Genova di Corso Oddone.
Mareggiata. Spintone.
Genova di piovasco,
follia, Paganini, Magnasco.

Genova che non mi lascia.
Mia fidanzata. Bagascia.
Genova ch'è tutto dire,
sospiro da non finire.

Genova quarta corda.
Sirena che non si scorda.
Genova d'ascensore,
paterna, stretta al cuore.

Genova mio pettorale.
Mio falsetto. Crinale.
Genova illuminata,
notturna, umida, alzata.

Genova di mio fratello.
Cattedrale. Bordello.
Genova di violino,
di topo, di casino.

Genova di mia sorella.
Sospiro. Maris Stella.
Genova portuale,
cinese, gutturale.

Genova di Sottoripa.
Emporio. Sesso. Stipa.
Genova di Porta Soprana,
d'angelo e di puttana.

Genova di coltello.
Di pesce. Di mantello.
Genova di lampione
a gas, costernazione.

Genova di Raibetta.
Di Gatta Mora. Infetta.
Genova della Strega,
strapiombo che i denti allega.

Genova che non si dice.
Di barche. Di vernice.
Genova balneare,
d'urti da non scordare.

Genova di "Paolo & Lele".
Di scogli. Furibondo. Vele.
Genova di Villa Quartara,
dove l'amore s'impara.

Genova di caserma.
Di latteria. Di sperma.
Genova mia di Sturla,
che ancora nel sangue mi urla.

Genova d'argento e stagno.
Di zanzara. Di scagno.
Genova di magro fieno,
canile, Marassi, Staglieno.

Genova di grige mura.
Distretto. La paura.
Genova dell'entroterra,
sassi rossi, la guerra.

Genova di cose trite.
La morte. La nefrite.
Genova bianca e a vela,
speranza, tenda, tela.

Genova che si riscatta.
Tettoia. Azzurro. Latta.
Genova sempre umana,
presente, partigiana.

Genova della mia Rina.
Valtrebbia. Aria fina.
Genova paese di foglie
fresche, dove ho preso moglie.

Genova sempre nuova.
Vita che si ritrova.
Genova lunga e lontana,
patria della mia Silvana.

Genova palpitante.
Mio cuore. Mio brillante.
Genova mio domicilio,
dove m'è nato Attilio.

Genova dell'Acquaverde.
Mio padre che vi si perde.
Genova di singhiozzi,
mia madre, Via Bernardo Strozzi.

Genova di lamenti.
Enea. Bombardamenti.
Genova disperata,
invano da me implorata.

Genova della Spezia.
Infanzia che si screzia.
Genova di Livorno,
Partenza senza ritorno.

Genova di tutta la vita.
Mia litania infinita.
Genova di stoccafisso
e di garofano, fisso
bersaglio dove inclina
la rondine: la rima.

(da Il passaggio d’Enea, 1956)
avatar
miki
inviata dall'estero
inviata dall'estero

Messaggi : 2308
Data d'iscrizione : 11.03.11
Età : 51
Località : varsavia

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da miki il Gio 2 Feb - 11:41

Wislawa Szymborska Commediole (in La fine del'inizio)

Angeli assenti

Se esistono gli angeli,
probabilmente non leggono
i nostri romanzi
sulle speranze deluse.

E neppure – temo –
le nostre poesie
risentite con il mondo.

Gli strilli e gli strazi
delle nostre pièces teatrali
devono – sospetto –
spazientirli.

Liberi da occupazioni
angeliche, cioè non umane,
guardano piuttosto
le nostre commediole
dell’epoca del cinema muto.

[...]

Se esistono gli angeli,
dovrebbe convincerli
– spero –
quest’allegria sull’altalena dell’orrore,
che non grida neppure aiuto, aiuto,
perché tutto avviene in silenzio.

Oso supporre
che applaudano con le ali
e che dai loro occhi colino lacrime
almeno di riso.
avatar
miki
inviata dall'estero
inviata dall'estero

Messaggi : 2308
Data d'iscrizione : 11.03.11
Età : 51
Località : varsavia

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da miki il Ven 3 Feb - 10:57

Wislawa Szymborska
il gatto in un appartamento vuoto


morire. questo a un gatto non si fa.
perché cosa può fare il gatto
in un appartamento vuoto?
arrampicarsi sulle pareti
strofinarsi contro i mobili?
qui niente sembra cambiato
eppure tutto è mutato
niente sembra spostato
eppure tutto è fuori posto
la sera la lampada non è più accesa
si sentono passi sulle scale
ma non sono quelli
anche la mano
che mette il pesce nel piattino
non è quella di prima.
qualcosa non comincia
alla sua solita ora
qualcosa non accade
come dovrebbe
qui c'era sempre qualcuno. sempre.
e poi d'un tratto è scomparso
e si ostina a non esserci
in ogni armadio si è guardato
si è cercato sulle mensole
e infilati sotto il tappeto
ma non ha portato a niente
si è persino infranto il divieto
di entrare nell'ufficio
e si sono sparse carte dappertutto.
cos'altro si può fare
aspettare e dormire
che provi solo a tornare
che si faccia vedere se osa !
deve imparare che
questo non si fa a un gatto.
gli si andrà incontro
con aria distaccata
un po' altezzosi
come se non lo si vedesse
camminando lentamente
sulle zampe molto offese
e soprattutto
non un salto nè un miagolio.
almeno non subito.

avatar
miki
inviata dall'estero
inviata dall'estero

Messaggi : 2308
Data d'iscrizione : 11.03.11
Età : 51
Località : varsavia

Tornare in alto Andare in basso

Re: La casa della Poesia

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 5 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum